Precursori sismici e lo studio della Sacra Sindone di Alberto Carpinteri

Precursori sismici e lo studio della Sacra Sindone di Alberto Carpinteri

Precursori sismici Alberto Carpinteri

Precursori Sismici. Alberto Carpinteri ne propone lo studio e l’uso per la prevenzione dei terremoti

Precursori sismici

Tra il 28 e il 33 d.c. si sarebbe verificato un terremoto del nono grado della scala Richter, forse proprio quello raccontato nel Vangelo di Matteo che viene utilizzato dal primo Evangelo per dare maggiore enfasi alla morte del figlio di Dio un evento che sconvolge l’intera creazione.  

E’ uno degli elementi decisivi insieme al modo come è morto Gesù che fa riconoscere al centurione romano, presente al momento dell’esecuzione della condanna a morte,  la divinità di Gesù nel racconto del primo evangelista.

Da notare che l’elemento terremoto come elemento decisivo nella conversione del centurione scompare nel  racconto parallelo della morte di Gesù del  Vangelo di Marco, racconto che però  lascia un importante indizio di una scossa sismica che potrebbe essere avvenuta dopo la sepoltura di Gesù e cioè il rotolamento della roccia che chiudeva la tomba nuova dove era sepolto e che creò non poche preoccupazioni alle donne che erano andate con gli oli aromatici ad imbalsamare il corpo di Gesù.

Chi ha spostato quella roccia?

Evoluzione della Materia

Un evento miracoloso o un evento naturale come una scossa sismica di forte intensità? L’ipotesi di un fortissimo evento sismico, avvenuto dopo la morte di Gesù, è quella su cui si basa il prof. Alberto Carpinteri che ha elaborato una articolata teoria sullevoluzione della materia che parte dalla formazione degli oceani e che teorizza la trasmutazione della materia, un termine che la scienza moderna sta recuperando, e che spiegherebbe il perché la presenza di metalli è più numerosa in prossimità delle faglie sismiche non solo della terra ma anche di Marte.

Ogni evento sismico produrrebbe una trasmutazione della materia con conseguente emissione di neutroni .  Del tutto casualmente ( ammesso che sia stato un caso) il lenzuolo che avvolgeva il cadavere di Gesù, sarebbe stato impresso da una pioggia di neutroni emessi dal forte terremoto facendo del lenzuolo l’output di una radiografia neutronica, un processo chimico spiegabile con una semplice equazione:

Precursori sismici: Equazione della radiografia neutronica.

La parasceve

Precursori sismici Locandina-convegno assisi 28 giugno-2014 rel.6Ricordiamo che il corpo di Gesù morto non fu ripulito per via della Parasceve, in cui era prescritto di non fare queste operazioni ‘contaminatrici’, e rimase sporco di sangue, polvere, terra e tutto quello che possiamo immaginare aveva addosso un corpo sottoposto alle più tremende torture e che ha percorso, sulle soglie della sopravvivenza e con l’aiuto di un contadino cirenaico, centinaia di metri dal tribunale di Pilato al luogo detto Calvario dove rapidamente morì subendo post mortem morte un ulteriore lacerazione dovuta alla lancia che trafisse il costato.

L’ipotesi scientifica di Alberto Carpinteri è che la Sindone è un ulteriore prova di questa teoria evolutiva della materia, della funzione trasmutatrice degli eventi sismici e della necessità di mettere insieme un sistema di rilevazione costante dell’emissione di neutroni dalle faglie sismiche in modo da poter prevedere con sempre maggiore attendibilità il verificarsi di eventi sismici. Insomma l’emissione di neutroni come uno dei precursori sismici e la Sindone come prova scientifica della validità di una teoria.

Ma come la mettiamo con la fede?

La Fede e l’ipotesi di Carpinteri

Se la Sindone è una radiografia naturale di un cadavere allora non è più il segno tangibile della resurrezione di Cristo?

Dal punto di vista teologico, il problema non sussiste, quando diversi anni fa i risultati, oggi molto contestati,  che provenivano da ambienti anglosassoni dichiaravano la Sindone come un manufatto medioevale.

Il Vescovo di Torino di allora ne prese atto dichiarando la Sindone come una testimonianza di fede, misteriosa nei modi e nei fatti che nulla negava e nulla aggiungeva alla fede dei credenti nel Cristo Risorto.  

L’ipotesi della Sindone come radiografia neutronica, proverebbe semplicemente che quello che è raccontato nei vangeli sulla Passione di Gesù è assolutamente vero nei minimi particolari, ma nulla dice sulla resurrezione di Cristo che non ha alcuna prova scientifica ma si basa solo ed esclusivamente sulla fede nell’annuncio delle donne prima e degli Apostoli dopo:”Cristo è risorto ed è apparso a Simone“.

Teilard de Chardin

Molto interessante invece sarebbe inquadrare questa ipotesi evolutiva della materia con le teorie filosofiche di Teilard De Chardin recentemente applicate anche in contesti assai diversi come la Cyberteologia di Padre Antonio Spataro.

Queste parole del filosofo e gesuita francese, che si leggono nella copertina del sito dell’associazione a lui dedicata, potrebbero essere un ottima introduzione per il convegno che ci accingiamo a celebrare il 28 Giugno nella Sala della Conciliazione del Palazzo dei Priori del Comune di Assisi:

Credo che l’Universo sia un’Evoluzione Credo che l’evoluzione vada verso lo Spirito. 

Credo che lo Spirito (nell’uomo) si compia in un qualche Personale. 

Credo che il Personale supremo sia il Cristo Universale.

(Teilard de Chardin) 

Claudio Pace Terni 12 Giugno 2014 su ” Precursori Sismici “

Precursori sismici

Download (PDF, Sconosciuto)

2 Comments

  1. Avatar Ubaldo Mastromatteo 15/06/2014
    • Avatar Claudio Pace 15/06/2014

Leave a Reply