Melodia nascosta del Cantico delle Creature l’ipotesi di frate Alessandro

Melodia nascosta del Cantico delle Creature l’ipotesi di frate Alessandro

Melodia nascosta

Popoli e Religioni

Ristampa codice 338Ieri sera al film festival ‘Popoli e Religioni’ l’immancabile serata dedicata a San Francesco di Assisi con la proiezione del film di Elio Germano ‘il Sogno di Francesco‘, l’intervento della studiosa Chiara Frugoni e la presentazione dell’ipotesi della Melodia Nascosta del Cantico delle Creatureda parte di Frate Alessandro.

Il Sogno di Francesco

L’idea di presentare Francesco dal punto di vista di Frate Elia è originale anche se ricorda un po’ il famoso film Jesus Christ Superstar che era in fondo la presentazione di Gesù dal punto di vista di Giuda, che gli contestava in soldoni il non uso dei suoi poteri ‘magici’ per spazzare via il male dalla terra.

Nel film invece Elia contesta a Francesco la non malleabilità della sua prima regola e un eccesso di attaccamento alla povertà che avrebbe potuto mettere a rischio il futuro dell’ordine, destinato a sparire tra i tanti movimenti ereticali dell’epoca se non ci fosse stata  l’approvazione formale del Papa che trasformato una spiritualità in un ordine religioso, una impresa non molto facile da compiere.

Elia offuscato nelle fonti

Il regista, come ha giustamente osservato la studiosa Chiara Frugoni aveva la più ampia libertà di spaziare su quest’argomento, perché non c’è molto tra Francesco ed Elia, nelle fonti, subito messo in secondo piano dalla caduta in disgrazia del frate.

Nonostante l’amicizia con il papa, già cardinale di Ostia e primo protettore del nascente ordine,  frate Elia fu costretto a lasciare il comando e abbandonare l’ordine per trovare rifugio nello scomunicato re di Sicilia Federico II.

il Francesco di Elio Germano

Ma raccontando Elia ha raccontato bene Francesco?

Il suo film riuscirà a fare  come i film di Zeffirelli e della Cavani che hanno addirittura attirato vocazioni? Come ha testimoniato lo stesso Frate Alessandro che grazie ad un film su San Francesco comprese il cammino che avrebbe percorso e che sta percorrendo da frate minore.

La morte di Domenico, ferito durante  una manifestazione no global ante litteram, o la presa di posizione dura di un frate anti Elia che sembrava un pentastellato della prima ora ( che invece dello slogan ‘onestà’ diceva però ‘povertà’ ) diranno qualcosa ai giovani che hanno visto in sala o vedranno in televisione questo ennesimo film su San Francesco di Assisi?

Se ciò accadrà il sogno di Francesco e anche quello di Elio Germano saranno meno sogno e più realtà.

Carisma di povertà

Di fatto questo mondo di oggi così legato alle ragioni del mercato, del marketing, ha ancora tanto bisogno del carisma di povertà di Francesco, che nasce dal carisma stesso di Francesco, dai carismi appena sfiorati nella narrazione del film che si è concentrata solo sulle stimmate, anche queste raccontate da Elia e viste nei suoi effetti devastanti sul corpo di Francesco, ma non direttamente nella scena cosi ben descritta delle fonti del Serafino a forma di Crocifisso che segna le piaghe del Signore nel corpo di Francesco ormai destinato alla glorificazione, alla deificazione.

Chiara Frugoni

In pochissimo tempo, prima e dopo la proiezione del film, Chiara Frugoni ha raccontato due episodi legati a Francesco e ad Elia.

In uno ha descritto una scena, un quadro, non ho compreso bene, in cui si vedevano dei bellissimi troni vuoti e un demone, molto bello, ma con degli occhi chiusi.

Si tratta del fatto che i frati seguendo la vita di Francesco sono stati destinati ad occupare i troni abbandonati dagli angeli ribelli …

L’altro racconto, che sinceramente non avevo mai sentito, è quello di frate Elia che comanda, per santa obbedienza, ad un frate carismatico inglese morto, sepolto nella Basilica,  di non ottenere più miracoli, perché con la sua gloria avrebbe oscurato quella di frate Francesco … e il frate, morto, obbedì.

Leggenda che richiama questa al fatto che fu proprio Elia a rivelare al mondo, appena dopo la morte di Francesco, del dono delle stimmate ricevuto sul ‘crudo sasso’ della Verna e che pone il problema del rischio che la canonizzazione dei santi diventi un fatto di prestigio, che nel farli santi si perde qualcosa dello spirito stesso del santo che cessa quasi di essere un uomo come gli altri, con le passioni degli altri uomini, per diventare appunto un ‘santo’ …

Melodia Nascosta

Laudato Sii Mi Signore

Lo studio dell’antico codice 338 dove purtroppo non è stata scritta la notazione musicale è stata utile a frate Alessandro per capire quella che poteva essere l’antifona.                                        Clicca QUI se vuoi la spiegazione fatta dal prof. Emore Paoli sull’architettura celomondana del cantico delle creature e la foto dove si vede bene come l’antifona finisce sulla parola benedizione. 

In questo contesto la testimonianza di frate Alessandro, che nei suoi primi tempi nell’ordine in quei di San Damiano rimane deluso di sentire ascoltare e recitare solo le parole e non la musica del cantico di frate sole che tanto amava ed ama, vista anche il carisma musicale che il Signore gli ha fatto.

Frate Alessandro, non da solo come ci tiene a precisare, ma con l’aiuto di tanti studiosi, ha raccolto così tanto materiale per cercare di capire come era la melodia nascosta del cantico di frate sole  da farci un libro.

E alla fine del percorso ( che forse non è ancora terminato chissà?) è venuta fuori una melodia di una lauda che ha me ricordato molto quella che ho cantato anch’io con il coro di San Francesco di Terni e che è quel famoso ‘Sia Laudato Santo Francesco‘ .

PlayList

Ecco comunque ( clicca QUI per visualizzarla) la playlist una parte delle cose dette da Frate Alessandro e il pezzo che ha cantato insieme con il pubblico del Festival Popoli e Religioni.

Che poi è stata la cosa più bella, il Cantico di Frate Sole non è stato fatto per gli studiosi di cose antiche e i musicisti, ma è stato fatto perché tutti lo cantassero prima con la musica e poi con la vita, specialmente quella parte, così attuale nell’anno della Misericordia, che riguarda il ‘Beati quelli che perdonano’ o quelli che troverà nella sua santissima volontà che la seconda morte non farà alcun male.

Giorgio Albertazzi

melodia nascosta 1

Un frammento del filmato di Gabriella Compagnone Sand Artist che ha realizzato una magnifica immagine evocativa del mondo francescano

La proiezione di Giorgio Albertazzi che legge il Cantico delle Creature alla Cascata delle Marmore, anzi con la Cascata delle Marmore è stata la bella conclusione di una serata dedicata alla poesia, forse più bella e significativa, della letteratura italiana e della spiritualità Cristiana ma anche quella di tutto lo spirito umano.

Se è vero come è vero che il cantico di frate sole scaturisce dal salmo 148 e dal canticum trium pueorum tratto dal libro di Daniele e che queste scritture, i salmi in particolare avevano assorbito indirizzandolo a JH lo spirito assiro babilonese e anche quello del culto monoteistico al dio sole, promulgato da un faraone ‘eretico’ e molto combattuto dalla casta sacerdotale egiziana molto legata agli antichi dei egiziani.

Giorgio Albertazzi ad un certo punto ha cominciato a canticchiare il cantico, a sospirare, gemere le parole, come se fossero i gemiti inesprimbili dello Spirito, questa esperienza lo ha sicuramente preparato a vivere la seconda morte e che questa non gli abbia fatto alcun male …

Ringraziamenti

Nel ringraziare il Vescovo di Terni, Stefania Parisi, Arnaldo Casali e i tanti collaboratori del festival Popoli e Religioni per la bella serata e per tutto il resto del loro impegno, formulo l’auspicio di vedere presto in rete il filmato di questa meravigliosa lettura di Giorgio Albertazzi!

Claudio Pace 19 11 2016 Melodia Nascosta

 

Leave a Reply