Loreto dalla Stazione al Santuario foto di un mini pellegrinaggio giubilare

Loreto dalla Stazione al Santuario foto di un mini pellegrinaggio giubilare

Loreto

La presente pagina di servizio per tutti coloro che avranno piacere a Loreto di fare un piccolo pellegrinaggio giubilare o semplicemente ritrarlo insieme ai luoghi incantevoli del percorso e del borgo con le loro macchine fotografiche o i loro iphone.

Tra gli invitati le Local Guides di Google+.

Loreto

Loreto è uno dei santuari mariani più famosi di Italia, la cui storia si incrocia con la devozione verso la Casa Santa di Nazaret, il luogo dove la Parola dell’Angelo Gabriele risuonò nel cuore di Maria, chiamata dall’Angelo stesso “Piena di Grazia”.

La Vergine, realizzando le antiche profezie, accogliendola concepì nel suo Seno il Verbo di Dio Salvatore del Mondo.  

Secondo la tradizione medioevale, trasportata dagli angeli da Nazaret, la Casa Santa è custodita qui mediante una grande basilica dove risuonano le lodi di Maria … la famosa preghiera delle litanie lauretane che si recita alla fine del Santo Rosario nacque proprio qui.

Data Evento

Sabato 17 Settembre 2016

Luogo di Partenza

Stazione Ferroviaria di Loreto ritrovo alle ore 7, partenza alle ore 7.30 circa

Percorso

Clicca QUI per visualizzare su Google maps il percorso stabilito.

Lungo il percorso detto anche della Scala Santa si incontra lo storico cimitero polacco di Loreto.

Arrivo

Piazza della Madonna a Loreto.

Loreto presidium et decus

Un immagine di un rilievo nascosto nella piazza della Madonna ritrae gli angeli che trasportano la casa santa che è Presidio e Gloria per il popolo

L’attraversamento della Porta Santa posta alla sinistra dell’ingresso principale della Casa Santa è previsto  per le ore 9 ( chi lo desiderasse può partecipare alla Santa Messa delle ore 8.30 all’interno della Basilica dove però non è consentito fare foto). 

La stazione di Loreto

La stazione di Loreto ha come ricordo storico la visita di Papa Giovanni XXIII (4 Ottobre 1962), il papa del concilio vaticano secondo, di recente proclamato santo.

Papa Giovanni XXIII  scelse il treno per raggiungere il santuario mariano, raccogliendo in ogni stazione in cui si fermava il caloroso saluto delle popolazioni attraversate.

Il treno era anche il mezzo usato dai malati e dai volontari loro accompagnatori per raggiungere  la meta, che insieme a quella di Lourdes, era ed è una delle preferite. 

I malati e i volontari che vengono alla Casa Santa della Madonna di Loreto chiedevano e chiedono prima di tutto la fede e la carità, la forza non solo di sopportare il male ma di offrirlo al Signore per il bene materiale e spirituale degli altri.

Giunio Tinarelli

Le Antichi Botti di Vino della Cantina del Bramante

Le Antichi Botti di Vino della Cantina del Bramante possono essere visitate insieme alla mostra dell’artista Safet Zec: l’ingresso è gratuito

http://museoanticotesoro.santuarioloreto.it/pag_news_articolo.asp?idart=176&sezione=na

Tra questi malati un operaio delle acciaierie di Terni, Giunio Tinarelli, per anni costretto da una malattia rara a vivere adagiato su un lettino, perdendo con la salute, il lavoro e il suo progetto di sposarsi e mettere su una famiglia.

Dopo un breve periodo di scoraggiamento aumentò nella fede mediante la quale rilesse come provvidenziale il suo soffrire.

Diventò un animatore dei pellegrinaggi mariani nei quali con la sua presenza riusciva ad infondere nelle persone che incontrava una gioia e un allegria umanamente inspiegabili.

Info e Aggiornamenti

Qui su questa pagina utilizzando i commenti o scrivendo una mail a claudio_pace @ alice.it (Togli lo spazio messo prima e dopo la @ per evitare gli spam) Non è previsto alcuno costo per partecipare all’evento che è in fase di iscrizione tra quelli delle local guide di Google.

Verificare prima della partenza gli aggiornamenti dell’evento che saranno postati qui.

Dopo il pellegrinaggio per chi lo desiderasse un evento sul Nome di Maria vedi il link http://www.claudiopace.it/scuola-mariana/

Claudio Pace Terni 13 Agosto 2016 su Loreto

Scuola Mariana

Leave a Reply