Armonizzare l'atmosfera

Renzo Lavatori a Terni per il corso di angelologia

Renzo Lavatori a Terni per il corso di angelologia

Renzo Lavatori

Capire l`angelo per capire l’uomo e ristabilire l`armonia con il creato questo il senso della conferenza di Don Renzo Lavatori tenuto, per il corso sull`angelologia organizzato dall`Istess, lo scorso 24 Marzo a Terni presso il cenacolo San Marco, significativamente ai vespri dell`Annunciazione.

Giá proprio durante la festa liturgica dell`Annunciazione, che vede tra i protagonisti e con un suo ruolo ben preciso un angelo, l`angelo dell`annuncio, GabrieELe, fortezza di Dio (letteralmente Dio Toro N.D.R.) che annuncia ma non agisce.

Una festa in cui lo Spirito Santo é il protagonista, Maria la co-protagonista del mistero salvifico per l`uomo, e in cui l`angelo recita il suo ruolo ma non di attore principale che Dio ha voluto per lui nella scena diventata poi uno dei temi piú ricorrenti della storia dell`arte.

Read More…Read More…

VITA SACRA ovvero IL CIELO SOPRA SPOLETO

VITA SACRA ovvero IL CIELO SOPRA SPOLETO

vita sacraVITA SACRA

Il ponte delle torri di Spoleto è purtroppo famoso per essere stato scelto da tante persone, anche giovani, come luogo per togliersi la vita e ogni volta che ciò accade la notizia colpisce e lascia esterrefatti ma non stupiti. La morte è sempre una cosa triste di cui non si vuole parlare tanto anche se le news dei grandi e dei piccoli  media parlano più di morti che di altro.

Mi capita ogni tanto di fare un salto a Spoleto, e quando ne ho l’occasione, mi piace girare per la bellissima città, adesso ancora più celebre grazie alla fiction Rai su Don Matteo. E’ una città a cui sono molto affezionato fin dai tempi in cui era Vescovo Mons. Alberti, un grande vescovo che mi ha onorato della sua amicizia e che recentemente scomparso nella sua isola natia, la Sardegna, ha lasciato a molti spoletini e non, un bellissimo ricordo di se.

Trovandomi in uno di questi miei giri turistici solitari, una sera d’inverno, qualche anno fa a Spoleto, ho voluto avvicinarmi proprio verso il ponte delle torri, ed ho potuto constatare come in effetti, specie d’inverno e di notte il paesaggio è tetro e triste e ti induce alla tristezza, come se ci fosse un demone, un demone del tutto opposto all’angelo della piscina dei cinque portici di cui narra il Vangelo, l’angelo che agitava le acque e guariva le persone che riuscivano per prima ad immergersi …

Read More…Read More…