Armonizzare l'atmosfera

Bob Dylan Premio Nobel per la Letteratura 2016

Bob Dylan Nobel letteratura 2016

Bob Dylan

Se c’è una generazione che ha vissuto più delle altre i cambiamenti venuti fuori dal Concilio Vaticano II nella liturgia della Chiesa, quella è la mia.

Negli anni 60 la lingua con cui si celebrava la Messa non fu più il Latino ma l’Italiano insieme a tutte le lingue del mondo dei luoghi in cui veniva celebrata.

Fu proprio nel 1970 che il beato Paolo VI promulgò il nuovo Messale Romano  mentre, seppur non previste dai libri liturgici, furono introdotti in chiesa durante la celebrazione della Messa canti e melodie prese tout cort dal mondo della musica leggera e pop.

E non solo canti, anche gli strumenti musicali, chitarre elettriche, bassi elettrici e … batteria compresa, entrarono di prepotenza nelle chiese, per uscire dopo un po’ con il passare della moda della cosiddetta Messa Pop.

Read More…Read More…

Bambini Ignorati dal mondo ovvero le Litanie di Ponzio Pilato

Bambini ignorati dal mondo ovvero le Litanie di Pilato

Bambini ignorati

Guardando questa immagine di Ponzio Pilato che si lava le mani di fronte a Gesù, l’innocente, prima di consegnarlo ai suoi carnefici, mi venivano in mente gli appelli di Papa Francesco a non voltarsi a guardare dall’altra parte.

Il rischio per tutti è di diventare dei moderni Ponzio Pilato e dire e fare ai bambini ignorati ed innocenti quello che Ponzio Pilato ha lasciato che si facesse a Gesù e dire:

Dei bambini morti affogati nel Mare Sepolcrum, mi lavo le mani

Dei bambini non nati perché abortiti nel seno materno, mi lavo le mani

Dei bambini che muoiono di fame o di malattia e vivono una vita di schiavitù, mi lavo le mani

Dei bambini privati dal diritto allo studio e al gioco, mi lavo le mani

Dei bambini addestrati per fare la guerra, mi lavo le mani

Dei bambini e dei giovani vittime degli spacciatori della droga, mi lavo le mani

Dei bambini usati come strumento dell’odio dei genitori separati, mi lavo le mani

Delle bambine costrette a sposarsi bambine o usate per il piacere dei pedofili, mi lavo le mani

Dell’utero delle donne, spesso giovani e bambine, sfruttate come mero oggetto di produzione di esseri umani,  mi lavo le mani

Dei bambini  che non possono crescere e nemmeno conoscere il loro papà e la loro mamma, mi lavo le mani

Dei bambini dei cristiani, degli yazidi, dei musulmani, etc.  sterminati in Asia e in Africa, mi lavo le mani

Dei bambini che vivono le conseguenze della desertificazione e l’inquinamento del pianeta, mi lavo le mani

Dei bambini che non possono accedere alle risorse del pianeta come l’acqua e il cibo, mi lavo le mani

Dei bambini che non sono nemmeno iscritti ad un anagrafe che li riconosca come cittadini di uno stato, mi lavo le mani

Dei bambini che non usufruiranno mai dei benefici delle scoperte scientifiche specie dei farmaci , mi lavo le mani

Dei bambini usati come cavia per testare i farmaci dei bambini dei ricchi o per cose peggiori, mi lavo le mani

Dei bambini rapiti e il cui corpo viene utilizzato per l’orribile mercato degli organi umani, mi lavo le mani

Dei bambini che soffrono le conseguenze della mancanza di una vera democrazia nelle nazioni in cui vivono, mi lavo le mani

Dei bambini costretti ad abbracciare la religione e la cultura degli oppressori del loro popolo, mi lavo le mani

Claudio Pace Terni 12 Maggio 2015 sui Bambini Ignorati

bambini ignorati 1
Bambini ignorati, in un presepe che si trova in fondo alla chiesa più moderna del santuario di Greccio, la scena dei bambini uccisi a Betlemme dagli sgherri di  Erode

Rocca restaurata Riappare una rara immagine di San Bavone

Rocca restaurata Riappare una rara immagine di San Bavone

Rocca Restaurata

Rocca Restaurata San BavoneSan Bavone di Gand  è un santo molto onorato nei paesi bassi e nelle Fiandre da dove proveniva e del quale sono scarse le notizie storiche.

Di famiglia molto ricca, forse anche nobile,  come il più conosciuto Francesco di Assisi figlio di Pietro Bernardone, diede tutte le sue ricchezze ai poveri per ritirarsi prima in un convento e poi in una cella dove visse in modo esemplare …  

Viene spesso rappresentato in questo suo gesto liberatorio di dare i suoi beni ai poveri oppure come un  giovane nobile dotato di bastone e falcone, con tutto ciò che questo binomio, paragonabile a quello corpo-anima, materia-spirito, implica.

Come e perché qualcuno abbia voluto, come ex voto, raffigurare San Bavone nella chiesa di San Giovanni alla Rocca San Zenone di Terni, non è dato sapere.  

Certo è che allora come oggi la popolazione del posto ama la caccia, ben rappresentata dal falcone in mano al giovane santo, e che la Rocca, come testimonia anche la presenza di tre antiche torri, era un punto di passaggio per i viaggiatori fin dal tempo dei romani, che seguivano forse l’itinerario della vecchia strada consolare Flaminia, le cui tracce si trovano ancora oggi a Carsulae.

Che qualche nobile europeo mitteleuropeo abbia voluto, per grazia ricevuta, lasciare una traccia della sua devozione a San Bavone durante un suo passaggio in Val Serra, come pellegrino verso Roma o come mercante in cerca di affari nella zona non possiamo proprio saperlo. 

Fatto sta che San Bavone dopo tanti anni ricompare, a pochi mesi dall’apertura del grande anno santo della Misericordia voluto da Papa Francesco, a pochi chilometri tra Roma e Assisi … e non è un santo che si veda molto rappresentato in giro. 

Read More…Read More…

Cartoline analogiche un antidoto alla dipendenza digitale

Cartoline analogiche un antidoto alla dipendenza digitale

Cartoline analogiche Rocca di Mezzo Retro
Cartoline analogiche Era il 16 Agosto dell’anno duemila quando un mio amico decide di scrivermi proponendomi …

 

Cartoline analogiche

Correva l’anno 2000, l’anno del grande giubileo, l’ultimo del ventesimo secolo in cui ci si preparava idealmente al primo del ventunesimo secolo, il 2001, perché i secoli e di conseguenza anche i millenni si cominciano a contare dall’anno uno ed è nel 2001.  E’ nel 2001 e non nel 2000 che significativamente, nella festa dell’Epifania, San Giovanni Paolo Secondo, il papa magno, scrisse la sua famosa lettera apostolica NOVO MILLENNIO INEUNTE come conclusione ideale dell’anno giubilare a cui diede il senso di una profezia per l’avvenire nel nuovo millennio iniziato …

Read More…Read More…