Stifone Misteri dell’acqua e della storia nel corso del fiume Nera e dei tempi

Stifone Misteri dell’acqua e della storia nel corso del fiume Nera e dei tempi

Stifone

Non so se a voi capita di avere degli amici che ti contattano su Messanger e poi per telefono e ti dicono:
“Sto andando a scattare delle foto a … se vuoi venire con me ti passo a prendere tra venti minuti anche un po’ prima”.

A me, fortunatamente capita, e se non ci sono ragioni di forza maggiore, mi piace rispondere positivamente a queste che non sono proposte che non si possono rifiutare, ma che se si rifiutano più difficilmente si ripropongono.

E così ho accettato senza sapere esattamente dove volesse andare, pensavo che il mio amico volesse andare dalle parti di Sant’Urbano, Schifanoia non avevo capito bene e invece la meta era Stifone.

Cantiere Navale

Stifone è una piccola frazione del comune di Narni, abitata da una cinquantina di persone, che si affaccia sul fiume Nera, uno degli affluenti principale del Tevere.

Recenti scavi archeologici hanno confermato la sua vocazione di piccolo cantiere navale di epoca romana.

Un cantiere navale che aveva due presupposti ideali per essere proprio in quel punto, essere in mezzo ad una foresta rigogliosa, rendendo a quasi zero il costo della materia prima, il legno, ed essere forse l’ultimo avamposto ben navigabile di un fiume che pochi chilometri dopo sarebbe stato il Tevere.

Secondo alcuni nell’etimologia della stessa parola Stifone sarebbe racchiusa questa sua vocazione cantieristica, una radice greco peslagica, che ci riporterebbe all’epoca della colonizzazione greca e prima ancora micenea del sud dell’Italia e al problema delle origini di tutte quelle popolazioni dell’Italia peninsulare, non solo gli etruschi, la cui cultura romana ha assorbito lentamente e inesorabilmente facendo dimenticare quasi del tutto le loro lontane origini.

Stifone Moderna

In epoca moderna, Stifone viene ricordata per un fenomeno di cronaca nera, la deflagrazione, nel 1861, di un deposito di esplosivi che veniva utilizzato per la costruzione della nuova linea ferroviaria, che da Orte portava fino all’interno della Verde Umbria.

Stifone è legata soprattutto al fenomeno del forte sviluppo dell’energia idroelettrica in Italia, agli inizi del secolo scorso, specie in Italia Centrale.  

Aldo Netti, che era proprio di Stifone, costrui una prima avveniristica centrale idroelettrica che servì a illuminare il teatro, le vie e le case di Narni ed una seconda ancora, costruendo una diga detta della Morica, in grado di intrappolare l’energia proveniente da acque sorgive, ben visibile ancora oggi.

Pista Ciclabile

Stifone la si può raggiungere dal centro abitato di Stifone o dalla pista ciclabile di recente costruzione che costeggia appunto il tratto di ferrovia da Nera Montoro a Narni Scalo.

Non sarebbe un sogno restaurare queste due centrali e renderle di nuovo funzionanti, riutilizzando per quanto possibile le stesse tecnologie che aveva a disposizione Aldo Netti?

Claudio Pace 9 Gennaio 2017 Stifone

Molti i filmati che si trovano su You Tube e che parlano di Stifone e delle sue sorgenti, quello di sotto, realizzato da Sergio Dotto, è reperibile nel sito di archeologia industriale cliccando QUI

Leave a Reply