Speranza Certa la speranza che non si può rubare

Speranza Certa la speranza che non si può rubare

Speranza CertaSperanza CertaSperanza Certa.
Scrivere su un blog, con costanza 😉 e con continuità non è un cosa semplice e nemmeno facile. E’ più facile scrivere su twitter o facebook, dove si fa subito, che su un blog dove in qualche modo quello che scrivi resta. Stasera sentendo un sacerdote che parlava delle parole di Papa Francesco sulla speranza volevo parlare proprio di speranza, come si fa in un blog, raccontando qualcosa di concreto non di teorico, speranza certa non speranza astratta! Tra l’altro oggi 16 ottobre è un anniversario storico importante, sono passati esattamente 35 anni da quando fu eletto papa  Giovanni Paolo Secondo, papa della speranza (ricordate   il suo famoso libro ‘varcare le soglie della speranza’?) … Quello straordinario 1978,  l’anno triste della morte di Aldo Moro ma l’anno in cui la Chiesa vide succedersi tre papi stupendi che hanno fatto la storia della chiesa e del mondo.  Avevo in mente anche la foto da mettere sul blog, quella che avevo scattato ad Assisi lo scorso quattro ottobre, uno striscione, forse preparato da giorni, ed esposto  nonostante i tristi fatti di Lampedusa. La foto invece mi è venuta davanti mentre con il mio scarabeo mi apprestavo a percorrere la strada di casa. Per uno strano gioco di lampade fulminate infatti nella scritta “Acciai Speciali Terni’ che si vede nella portineria Serra in via Breda, apparivano in evidenza le parole ‘SPE’ e ‘TERNI’, come non fermarsi a scattare la foto che sto inserendo nel blog sulla Speranza? SPE infatti è l’ablativo della parola latina Spes che significa appunto speranza, come nella locuzione latina: In spe contra spem.

SPEranza che, come suggerisce Papa Francesco,  non dobbiamo mai farci rubare da nessuno, anche per la questione TERNI e la complessa vicenda della trattativa di vendita dell’AST scaturita dalla decisione dell’antitrust europeo di impedire il piano Terni-Tornio, decisione che come dimostrano le ultime notizie provenienti dal mondo della finanza, stanno mettendo in grossa difficoltà finanziara l’Outokumpu, attualmente proprietario delle acciaierie di Terni.
Ritorno a casa, controllo le notifiche su facebook e vedo sul gruppo di impegno politico  lavoro e acciaio un postlink , di Luca Birbanti, professore di lettere antiche e giornalista on line, che segue con costanza tutte le notizie dell’AST. Il post da una speranza, appunto, quello di un imminente ( si parla di ore) annuncio di novità positive per la vicenda AST che perverrebbero da fonti  europee. Si tratta dell’annuncio del passaggio di Ast ad Aperam?
La citazione di Tajani nell’articolo farebbe propendere per questa ipotesi, visto che Tajani non ha fatto mai mistero di sponsorizzare questa soluzione.  Staremo a vedere noi non ci faremo rubare comunque la speranza, anche se in questo caso molto umano non si tratta di ‘speranza certa’. 

Claudio Pace Terni 16 ottobre Blogger Consigliere Prima Circoscrizione Terni

Aspetterò di Maria Luisa Spaziani letto da Nando Gazzolo

No Responses

Leave a Reply