Santa Chiara “Oggi è sorta una stella” Citazione dalla Liturgia della Chiesa Cattolica

Santa Chiara “Oggi è sorta una stella” Citazione dalla Liturgia della Chiesa Cattolica

Santa Chiara

San Francesco Gesù e Santa Chiara Oggi 11 Agosto è Santa Chiara e la Chiesa la ricorda liturgicamente così:

Oggi è sorta una stella:

oggi santa Chiara, poverella di Cristo, è volata alla gloria dei cielo.

Buon Onomastico

Una buona occasione per fare gli auguri di buon Onomastico a tutte quelle che si chiamano Chiara,

che hanno il privilegio e l’impegno di portare un nome cosi importante.

Santa Chiara

Ma che dire di Santa Chiara, questa donna che seguì la follia di Francesco,

che imitò la sua spoliazione con quel famoso taglio di capelli che la numerosa iconografia medioevale

ha rappresentato in mille modi e che un maestro come Franco Zeffirelli rappresentò così:

Santa Chiara però non la immagino proprio come la descrive il film di Zeffirelli,

la immagino più scura di carnagione,

più ‘umbra’ e nemmeno molto alta,

la immagino un tipo deciso, coraggioso,

di quelle, come si dice oggi, ‘che non le mandano a dire’.

Scritti di Santa Chiara

D’altra parte basta leggersi un po’ dei suoi scritti per capirla meglio.

Si mette a baciare per umiltà le più umili del monastero le converse,

e quando una di queste sorpresa ritira il piede colpendola in viso, lei non si scompone ma la conforta …

Così al Papa che gli vuole assegnare una rendita per sostenere le sue opere fa sapere la sua contrarietà,

per nulla intimorita dall’importanza dell’interlocutore, il vicario di Cristo,

e chiede ed ottiene l’unico privilegio che ha sempre desiderato:

La Povertà.

Povertà e Angeli

Il privilegio di  imitare il modo in cui Francesco imitava Cristo,

vivendo la perfetta povertà,

il privilegio di non avere pesi materiali per gioire di essere una creatura in mezzo al Creato che sapeva però popolato anche di angeli.

Già infatti nella terza lettera alla Beata Agnese da Praga leggiamo:

Gioisci, perciò, anche tu nel Signore sempre ( Fil 4,4) o carissima.

Non permettere che nessun’ombra di mestizia avvolga il tuo cuore, o signora in Cristo dilettissima,

gioia degli Angeli e corona (Fil 4,1) delle tue sorelle.

E non è di poco conto nemmeno quel termine “Signora in Cristo” dal sapore sponsale, come d’altra parte quello suo con Francesco fu amore sponsale che iniziò a

San Damiano

E che dire di quel suo essere presente in spirito alla Santa Messa di Natale dei frati ad Assisi,

non c’era né televisione né streaming ai suoi tempi,

e del suo prendere nelle mani femminili l’Eucarestia per scacciare gli antenati dell’Isis,

i saraceni, che volevano entrare in convento con le più turpi intenzioni

e che invece sono fuggiti per non riuscire a resistere alla potenza della presenza di Gesù che è:

l’Io Sono il Pane vivo disceso del cielo’ e della fede di Santa Chiara.

Chiara

In ultimo un ricordo a due Chiara che sono già in cielo con lei

Chiara Corbella Petrillo e Maria Chiara Mangiacavallo,

possa l’esempio di queste tre donne contagiare tutte le Chiara e tutte le ragazze di oggi.

Claudio Pace Fiuggi 11 Agosto 2015 su Santa Chiara rivisto l’11 Agosto 2017 a Terni

No Responses

Leave a Reply