Parcheggi disabili usati come spazio di esposizione auto

Parcheggi disabili usati come spazio di esposizione auto

Parcheggi disabili 2Parcheggi disabili usati come spazio di esposizione auto, succede a … Terni, dove ancora una volta si è dimostrata una sensibilità verso i disabili molto scarsa. 

La notizia mi è arrivata tramite un tag di un amico su facebook che aveva condiviso a sua volta delle foto scattate dalla mamma di un disabile che ha immortalato sul social network, con delle foto, quanto visto durante la notte bianca e cioè dei parcheggi utilizzati come spazio espositivo per le auto, proprio davanti a Palazzo Spada, la sede principale e storica del comune di Terni.

Difficile a credersi ma la foto non era smentibile, anche se sinceramente ho pensato che magari tutta la zona era vietata alle macchine per la notte bianca, alla quale dico sinceramente non ho partecipato, anche per gli avvenimenti che sta vivendo la città e che mal si conciliano con feste che mi danno l’impressione servano poco ad un rilancio turistico ed economico della città di Terni.

Stamattina però, verso ora di pranzo, mi sono combinato a passare proprio vicino a Palazzo Spada, e non ho potuto fare a meno di notare che le macchine esposte, da ben due espositori diversi, erano ancora li, ed in uno con tanto di personale, sicuramente un co.co.pro, che distribuiva del materiale pubblicitario.  

Nella pagina le foto del misfatto, con modelli dei veicoli e aziende espositrici volutamente oscurate per ovvie ragioni, da parte mia nessuna intenzione di fare cattiva pubblicità alle loro aziende, ma certo il comune poteva concedergli a pochi metri delle aree diverse, non proprio quelle riservate ai disabili, …

Parcheggi disabili 1Che questa cosa poi sia accaduta a pochi giorni della polemica sollevata dal presunto uso improprio fatto proprio dal segretario del pd di Terni, proprio lo stesso parcheggio credo e comunque la stessa piazza, la dice lunga su come a Terni siano considerati i disabili e i loro diritti.

E siamo al centro di Terni in periferia la situazione è ancora peggiore, lo denunciai qualche anno fa, raccontando la storia di due fratelli disabili che quasi ogni giorno incontravo in mezzo ai Tir di Viale Breda e Prisciano,  non mi sembra che le cose siano cambiate molto.

Gianni e Roberto, hanno cambiato quartiere, ho visto però altri disabili nella zona, che affrontano con difficoltà le tante barriere che ci sono nel quartiere,  ma vista l’aria che tira, pensare che si possano affrontare e migliorare le condizioni dei disabili in periferia sembra una impresa impossibile.  

Rendere il marciapiede di Viale Breda, dal ponte di Prisciano a via Ponte dell’Oro, praticabile per i disabili, per esempio, al momento attuale, e non solo per la crisi, rimane una cosa da libro dei sogni, speriamo in tempi migliori, le periferie esistenziali di cui parla spesso Papa Francesco sono anche queste, la trascuratezza e la superficialità nei confronti degli altri, di quelli che si dovrebbero tutelare di più e invece …

Claudio Pace Blogger Terni 21 Settembre 2014 

L’articolo del corriere dell’Umbria sull’argomento con le scuse degli organizzatori

corriere 23 9 2014

 

4 Comments

  1. Avatar Sergio Dotto 21/09/2014
  2. Avatar Diego Santini 21/09/2014
  3. Avatar Claudio Pace 21/09/2014
  4. Avatar Diego Santini 21/09/2014

Leave a Reply