Montefalco Incredibile un’invernale sera estiva di metà Agosto

Montefalco Incredibile un’invernale sera estiva di metà Agosto

Incredibile Umbria

Montefalco Incredibile

Montefalco Incredibile

Metti che una sera a cena, un amico ti invita alle taverne di Montefalco, e tu vai prudentemente vestito in giacca e maniche lunghe.

Per un sedici di Agosto forse troppo prudenza, ma metti che il posto da lui scelto, un posto denso di storia, la taverna di Sant’Agostino sia un posto molto freddo, e che il tavolo assegnatoci sia in mezzo al chiostro dell’antico convento, il più esposto ad una corrente fredda, e che nonostante il freddo resisti stoicamente fino alla fine.

Risultato una bella serata ma il giorno dopo il freddo preso si fa sentire con qualche piccolo acciacchetto. 

Montefalco

Montefalco IncredibileCosì è andata ma Montefalco è Montefalco, e tra le località dell’Umbria, la sera della processione di Santa Chiara della Croce da non confondersi con la più nota Santa Chiara di Assisi, il fascino del paese cresce a dismisura e vedere la processione passare con i giovani vestiti, in abiti d’epoca, i frati e le suore, … Sindacoo, il Vescovo e i preti e tantissimi fedeli è davvero una cosa molto bella.

Ti senti come proiettato in quel medioevo non molto lontano dove non c’erano tablet e iphone ma dove la vita scorreva in modo più umano e personale, dove la santa festeggiata, dotata di carismi straordinari, conosceva le cose più segrete dei cuori di chi incontrava pur senza averle lette prima su Facebook dove molta gente oggi carica su anche i pensieri più nascosti di se. 

Montefalco Incredibile Montefalco Incredibile

Carismi di Chiara

Tra i tanti doni Chiara, infatti,  aveva il dono straordinario del discernimento degli spiriti. 

Un dono non voluto, un carisma per il quale lei, senza chiederlo, veniva a conoscenza delle cose e dei pensieri più intimi delle persone che incontrava o che addirittura avrebbe incontrato nei giorni a venire.

Con questo carisma talvolta gli accadeva anche di intercettare le lodi delle sue consorelle che per questo la reputavano una santa, e che ricevevano da lei un rimprovero perché lei si sentiva molto peggiore delle persone, anche le più malvagie, delle quali veniva a sapere le cose e voleva che anche le altre attribuissero solo alla Misericordia del Signore il suo non commettere altrettanti mali di quelli che vedeva o peggiori.

E la sua era vera umiltà non un umiltà falsa e ipocrita di chi si umilia pubblicamente allo scopo di farsi esaltare, giusto per ricevere quella lode umana, che riempe per pochissimo tempo il cuore senza saziarlo affatto, umiltà infatti è riconoscere il dono di Dio, la sua Misericordia, non negarlo pretestuosamente.

Tentazioni

Chiara era una persona dotata di carismi, ma ogni carisma va provato.

Per questo subì le tentazioni più gravi quali l’aridità e la presenza più che tangibile del Maligno.

Tentazione alla quale resisteva custodendo con tutte le sue forze la Croce dentro il suo cuore.  

Una presenza questa della Croce del cuore cosi concreta da risultare  “visibile post mortem 

Forse  uno dei messaggi più forti che lancia alla nostra generazione, così poco abituata alle rinunce, che vuole sempre tutto e subito, che cerca di evitare ogni sorta di sofferenza, anche minima.

Imparare ad amare Gesù e la sua croce, farlo dimorare nel nostro cuore, non è una cosa riservata solo ai religiosi o alle persone dotate di carismi straordinari. 

Claudio Pace Terni 19 Agosto su Montefalco Incredibile

Montefalco Incredibile sant'agostino montefalco

Montefalco Incredibile.   La chiesa di Sant’Agostino in Montefalco custodisce la tomba di un anonimo pellegrino, che morì, in odore di santità, proprio a Montefalco. Vi sono inoltre custodite e venerate le spoglie mortali  di due figlie spirituali di Chiara, Chiarella e Illuminata che aspettano la resurrezione dei corpi insieme,una accanto all’altra.

 

 

 

 

 

No Responses

Leave a Reply