In attesa che venga la primavera e Novissimi Reload di due testi …

In attesa che venga la primavera e Novissimi Reload di due testi …

In attesa che venga la primavera e novissimi sono due testi che ho scritto nel 2013 e nel 2002 e che ripropongo in questa pagina …

In Attesa

Un primo piano dei fiori piantati nel piazzale lord Byron che si trova di fronte alla Cascata delle Marmore a Terni. Nello sfondo l’arcobaleno, che spesso si forma tra i flutti delle cascate, uno spettacolo nello spettacolo

In attesa che venga la primavera,

guardo l’ immagine di questi fiori

e della verde erba

e dell’acqua

che scende copiosa dall’alto

riempiendo il fiume a valle.

E violenta si trasforma

in candida schiuma

senza mutare la sua natura

come il puro

e divino amore tra lei e me.

E il suo fragore assordante,

e l’umidità

che bagna ogni cosa

che ho addosso.

Sorrido pensando

il mio trascorrere sereno

nel ventre materno, ignaro del dopo,

sazio di tutto ciò che

mi era necessario per vivere.

Cosa sarà il paradiso* se non

un cullarsi nelle sovracelesti acque,

cosà sarà il paradiso se non

un uscire dallo spazio e dal tempo

per volteggiare

in universo di novità,

di armonie,

di suoni e di vertigini celesti?

Lei è Dio per me

e Io Sono

Dio per lei,

e Dio si sente più Dio

quando tu e io

non sciupiamo

l’amore ricevuto in dono.

Lo stesso Amore

che procedette in Persona

per unire perfettamente

le due Persone

che da sempre erano Amore:

Amore e Sapienza.

E agli inizi della storia

il Ruah di Dio librava

sopra le acque brulicanti di vita.

Claudio Pace 2 Gennaio 2013 Clicca QUI per andare alla seconda pagina

Leave a Reply