Donne misteriose dei quadri di Otello Fabri

Donne misteriose dei quadri di Otello Fabri

Donne MisterioseDonne misteriose.

Nessuna persona che si accosti alla pittura di Otello Fabri può omettere di osservare la ricorrenza di un volto femminile o di due volti femminili, donne misteriose, che le testimonianze dei parenti non riescono a identificare in nessun volto particolare, e che forse non devono essere identificati in nessun volto particolare ma rimanere nel loro contrasto, nel loro essere due, due donne, due donne misteriose. Due, il numero due, è per eccellenza il numero del contrasto, della divisione, della lotta che non ha necessariamente un significato negativo, anzi può avere un significato fecondo, come nell’espressione tipica delle radici giudaico-cristiane: ‘L’uomo lascerà suo padre e sua madre e i due saranno una carne sole’. L’espressione è di Genesi, e verrà ripresa poi nel vangelo dal rabbi Gesù che obbietta la sentenza dell’antica Toràh, a chi gli propone di accettare un compromesso sulla pratica del divorzio, contestando il potere che aveva il maschio israelita di liberarsi della propria moglie, se per esempio questa fosse stata sterile e non avesse potuto garantirgli discendenza o per casi simili. Ma Otello nei suoi non raffigura una coppia uomo-donna ma due donne e nei loro atteggiamenti non c’è nulla di saffico o di simile che appartiene più alla sensibilità di questo periodo storico che non a quello in cui Otello dipingeva e che non mi pare che voglia in alcun modo esprimere … Mi viene alla mente, anche se il volo può sembrare audace, un espressione di San Francesco di Assisi, tratta dalla Seconda vita, Celano ( Capitolo LXXVIII, 112): ”Una volta [San Francesco] confidò ad un compagno: «Ti confesso la verità, carissimo: se le guardassi in faccia [le donne], ne riconoscerei solamente due. Dell’una e dell’altra mi è noto il volto, di altre no». 

Una espressione, quella di San Francesco, che mette in difficoltà e sbizzarrisce la fantasia dei lettori perché in realtà almeno tre se non quattro sono state le donne della vita di San Francesco anche se lui parla solo di due, due donne misteriose, proprio per il fatto che non ha precisato chi fossero. E precisamente Chiara,  Santa Chiara, per la quale ricostruì la casa di San Damiano, frate Jacopa, la nobildonna romana che volle, al momento del suo Transito, fosse presente per portargli i mostaccioli ma ci sono in lizza anche due figure materne, la madre naturale, di cui si conosce veramente poco e … la Madre Celeste.

Il discorso sulle due donne, al di là del volo audace, porta verso innumerevoli orizzonti, della dualità e rivalità tra moglie e amante ad esempio, bene espressa nelle figure felliniane della Masini e della Milo, ma la breve pagina di un blog, non può per il momento andare oltre che mostrare un breve filmato di queste grandi attrici del cinema italaino …
Claudio Pace Terni 9 Novembre Blogger
http://youtu.be/pbalXalj9pE

    

One Response

  1. Avatar ornella seculin 09/11/2013

Leave a Reply