Abel di Abel tutto è Abel scrive il saggio Qoelet

Abel di Abel tutto è Abel scrive il saggio Qoelet

Abel

La bellezza di quello che si potrebbe definire social media poetry o più semplicemente quello di scrivere dei versi in libertà su un qualsiasi social, che sia facebook o un blog, è che un commento ai tuoi versi può arrivarti anche dopo anni e può farti riscoprire quello che hai scritto con un occhio completamente diverso da quando lo hai scritto, scoprendo quanto si cambia in solo quattro anni.

E ricevere un complimento, siamo tutti vanagloriosi, dopo quattro anni, ti crea l’effetto opposto a quello che si ha quando dopo quattro anni arriva invece una cartella di equitalia da pagare, per un multa che avevi già contestato e che non devi assolutamente pagare e che il sottoscritto non intende pagare anche se deve affrontare la burocrazia italiana …

Ecco i versi come li ho scritti il 14 Aprile del 2011  … 

Abel

Abel: Le cascate delle marmore, l’acqua che si trasforma in schiuma, l’immagine che si trasforma in sogno, fanno pensare alla caducità delle cose, anche più belle che viviamo in un istante di un infinito tempo …

Vanità della vanità tutto è vanità

Abel di Abel tutto è Abel.
Tutto finisce come il solco della barca nell’acqua
che prima si riapre e poi si richiude …
Tutto è poco meno di nulla,
per quanto ci si affanni, ci si arrabbatti
o ci si dimeni, tutto svanisce
non una sola ora di vita in più possiamo comprare
anche con ingenti ricchezze.
L’amore, l’odio, la discordia, la concordia, la stima, il disprezzo …
Vanità della vanità anche questa è Parola di Dio.
L’acqua scorre, gli occhi ammirano
la sua trasformazione in schiuma
senza smettere di essere acqua
e il suono continuo e il fragore
e l’eco e il rimbombo
e tutto è poco meno di nulla
un poco meno che da … Speranza

Claudio Pace Blogger Padova 15 4 2015 su Abel di Abel una poesia scritta  su FB il 14 4 2011

Leave a Reply