Salmo 137 (136) Dalla Bibbia a Quasimodo ai fatti di Sangue di Nizza e Barcellona e a Papa Francesco

Salmo 137 (136) Dalla Bibbia a Quasimodo ai fatti di Sangue di Nizza e Barcellona e a Papa Francesco

Salmo 137

Sopra i fiumi di Babilonia,

là sedemmo e anche piangemmo nel ricordarci di Sion

Sopra i salici

nel suo mezzo

appendemmo le nostre cetre

Perché là ci chiesero i nostri deportatori parole di di canto

e i nostri aguzzini, Gioia:

“Cantate a noi del canto di Sion”.

Salvatore Quasimodo con aggiunta in corsivo

E come potevamo noi cantare
con il piede straniero sopra il cuore,
fra i morti abbandonati nelle piazze
tra i corpi massacrati dal terrore
nelle strade del passeggio di Nizza e di Barcellona

sull’erba dura di ghiaccio, al lamento
d’agnello dei fanciulli, all’urlo nero
della madre che andava incontro al figlio
crocifisso sul palo del telegrafo?
Alle fronde dei salici, per voto,
anche le nostre cetre erano appese,
oscillavano lievi al triste vento.

Salmo 137

Come canteremo il canto di Adonai su suolo straniero?

Se dimentico te Gerusalemme dimentichi la mia destra

Si attacchi la mia lingua la mio palato se non mi ricordo di te

se non metto Gerusalemme in capo alla mia gioia

Ricorda Adonai i figli di Edom

l’ora di Gerusalemme in cui dicevano:

‘Spogliate! Spogliate fino ai basamenti di essa’.

Figlia di Babilonia devastatrice!

Beatitudini a chi restituirà a te la tua azione che facesti a noi.

Beato colui che afferrerà e che sfracellerà i tuoi piccoli alla roccia.

Papa Francesco

Ma beato ancor di più chi è capace a non farsi coinvolgere dalla spirale di Odio

che ha compassione di chi ha subito il male

e condanna fermamente la violenza

senza chiedere la morte dei malvagi ma la loro conversione.

Claudio Pace 20 08 2017 Salmo 137 (136) http://www.intratext.com/ixt/ITA0001/_PIS.HTM

Regina Coeli 28 Maggio 2017

Cari fratelli e sorelle,

desidero esprimere nuovamente la mia vicinanza al caro fratello il Papa Tawadros II

e a tutta la Nazione egiziana, che due giorni fa ha subito un altro atto di feroce violenza.

Le vittime, tra cui anche bambini, sono fedeli che si recavano a un santuario a pregare,

e sono stati uccisi dopo che si erano rifiutati di rinnegare la loro fede cristiana.

Il Signore accolga nella sua pace questi coraggiosi testimoni, questi martiri, e converta i cuori dei terroristi.

E preghiamo anche per le vittime dell’orribile attentato di lunedì scorso a Manchester, dove tante giovani vite sono state crudelmente spezzate.

Sono vicino ai familiari e a quanti ne piangono la scomparsa …

 

Leave a Reply