Pace in Italia e tra pocu in tuttu lu monnu Una poesia di Maurizio Viola

Pace in Italia e tra pocu in tuttu lu monnu Una poesia di Maurizio Viola

Pace in Italia

Pace in Italia Maurizio Viola mi dedicò la  poesia che segue, scritta in vernacolo ternano, raccontando, dal suo punto di vista, il lavoro fatto una domenica pomeriggio per rendere l’impianto elettrico di un data center di Terni ‘ridondante’. Era il 19 Febbraio del 2016. Il lavoro andò bene, ma creò qualche disagio ai miei colleghi, uno in particolare, che mi ripagò con ‘vaffa’ che Maurizio Viola immortalò in versi

Pace in Italia e tra pocu in tuttu lu monnu Una poesia di Maurizio Viola

Pe’ avecce Pace ce stà chi prega ‘n chiesa
e chi ‘nvece armane chiuso drento casa
noi purtroppo ne questo ne quello
c’emo Pace e nun è manco tantu bello
stavorda s’è missu ‘n testa de levà la corrente
perché ‘na macchina lavoraa e una ‘n facea gnente
proprio mo che annava tuttu bene
ché ogni automatismo funzionava come convene
ducento servere che se parlono senza problemi
più de mille foji de flow e de schemi
doppo tanti affinamenti e risoluzioni
e come volesse taja da soli li cojoni.

Domenica 19 Febbraio 2006

Domenica 19 ore 15, 15 e trenta
drento l’aspasiel de gente se ne vede tanta
vene giù Ariatta da Milano co lu giravite su le mano
Diamanti che pe’ annà appresso a Famoso e Gandola
s’è consumato le scarpe co’ tutta la sola
visto po’ che je se facea troppo tardi
ha chiesto aiuto a Gentili e anco a Nardi
Sabbrina a dirige l’operazzioni e li movimenti
co’ Alberto e Sabbrino a daje li suggerimenti
fino a qui ‘gni cosa come era stata programmata
come che dovea annà è annata
lu bruttu è stato quanno è artornata la corrente
dovea arpartì tutto ‘n vece nun è arpartito gnente
c’è voluto l’intervento de li soliti specialisti
Baldo, Crisostomi, De Calisti
Monia Trombettoni e du elettricisti
Tacchia, Viola, Monticelli
Sempre presenti a tutti l’appelli
po’ Vincenti, Leonardi e Giovannini
assieme a Luca Proietti e a Boldrini

Vaffa finale

sembrava ‘na cosetta facile come due più due fa quattro
levato Diamanti che stea de turno in tutto erimo ventiquattro
e lunedì matina ‘mbò dritti ‘mbò storti
a mezzogiorno ancora stemo a contà li morti
è vinuto giu Pace, giu la bomboniera
a cercà giustificazioni pe lu lavoro de ieri sera
volea avecce ragione testardo più de un mulu
finacché uno ja dittu: Ah Claudio, ma vaffanculu

Maurizio Viola Pace in Italia e tra pocu in tuttu lu monnu
(dopo i lavori all’impianto elettrico di un data center di Terni fatti il 19 Febbraio del 20o6)

Leave a Reply