Etereo e la Settimana Stanza del Castello Interiore

ETEREO

etereo

Etereo

Etereo, eterno, e te,  no, non più adesso, solo ferite,

che non riescono mai a cicatrizzarsi, ma che non si infettano,

dolore che non smette mai di urlare, non v’è riposo,

non v’è consolazione, non v’è speranza alcuna che cessi,

anzi c’è terrore che cessi.

Dolore e tormento, non più speranza, non più certezza,

nemmeno la notte all’orizzonte della vita appare come soluzione,

Bisogna cercare una strada che altri hanno già percorso

con fede e con coraggio, con amore e … passione,

senza gratificazione

solo la graticola

dell’amore.

Sono solo però

non riesco a trovare la strada,

“guai ai soli sono la metà di se stessi … “

(C) Claudio Pace Reloaded 25 settembre 2011 alle ore 22.19

Nella Pagina Seguente La Settima stanza del castello interiore

Leave a Reply