Armonizzare l'atmosfera

RIFORMA PROVINCE E RISCHIO IDROGEOLOGICO NEL TERNANO

RIFORMA PROVINCE E RISCHIO IDROGEOLOGICO NEL TERNANO

Riforma provinciaRIFORMA PROVINCE? Non ci crede ormai più nessuno, quando si tocca quest’argomento per un verso per un altro la cosa non va a buon fine e molti scommettono che anche questa volta andrà a finire così, con il governo Letta che farà il suo disegno di legge che se non si perderà nei tortuosi percorsi dei due rami parlamentari, può sempre essere oggetto di qualche ricorso sulla sua costituzionalità e abolito da una corte che in Italia ha acquisito un potere legislativo di fatto superiore a quello dei referendum popolari.  A Terni però c’è un problema in più,  la competenza della provincia sul problema acqua, perché il territorio è un vasto e complesso bacino imbrifero, …

Read More…Read More…

Selva colorata ed un cammino

Selva colorata ed un cammino

Selva colorata e un cammino vedono i nostri occhi sorpresi.

Selva Colorata

Tu ed io,

in esso corriamo spediti verso una meta comune non del tutto conosciuta

che molto assomiglia alla selva colorata che stiamo attraversando.

Lasciamo alle nostre spalle i girasoli,

ormai stanchi di assorbire la luce solare,

e con passo spedito cerchiamo di raggiungere il sentiero lontano,

i cui lunghi alberi, che intravediamo in lontananza, 

ci fanno intuire esservi.

Non abbiamo ancora la certezza totale di seguire quello giusto,

ma il cammino c’è, pur in mezzo ad una linea di ombra e di scuro.
Ormai è silenzio tra noi,

le parole non servono più a descrivere quello che abbiamo provato e quello che immaginiamo di provare,

camminiamo senza arrenderci né all’euforia né allo scoraggiamento,

per non morire per strada senza aver raggiunto prima la meta,

il destino dove siamo chiamati ad arrivare, quel qualcosa di più di una  selva colorata,

che stiamo attraversando …

Read More…Read More…

SLOW RAIL Umbro Sabino da disagio a opportunità

SLOW RAIL Umbro Sabino da disagio a opportunità

SLOW RAIL
SLOW RAIL

SLOW RAIL Umbro Sabino, ovvero ferrovia lenta e purtroppo anche disagiata. Ne abbiamo parlato e ne riparlermo ancora per segnalare i disagi che vivono i pendolari permanenti e quelli occasionali come il sottoscritto che per andare a Roma o Assisi o a Perugia predilige il treno alla macchina. Ma la slow rail potrebbe essere una opportunità per il territorio ternano e umbro reatino se Trenitalia sollecitata da assessori regionali, sottosegretari e onorevoli, a cui farò avere la mia sullo Slow Rail, accogliesse la mia proposta. La mia proposta è molto semplice, e a basso costo, fare di Terni il terminale dell’attuale treno che dall’aeroporto di Fiumicino giunge ad Orte,

Read More…Read More…

Pista ciclabile di Via Vulcano poco ciclabile: proposta

PISTA CICLABILE POCO CICLABILE IN VIA VULCANO A TERNI: Modificarla in un uno spazio per i cani.

Pista ciclabile poco ciclata di via Vulcano a Terni
Via Vulcano a Terni Pista Ciclabile

PISTA CICLABILE nei quartieri Est della città?

Un sogno che qualcuno ebbe qualche anno fa,

e che cominciò a prospettare con un piano di realizzazione di piste ciclabili nel

comune di Terni ma che a distanza di diversi anni,

ha prodotto nella zona di Prisciano,  solo un topolino,

la pista ciclabile di via Vulcano che per come è situata però è davvero poco ciclabile.

E la ragione è molto evidente, e non è legata agli Oleandri che spesso non curati,

esondano la pista ciclabile stessa, ma al fatto che per entrarci dentro,

il presunto ciclista dovrebbe lasciare la via Vulcano,

che non è allargabile prima della pista perché costeggia il torrente Serra,

e poi fermarsi perché la pista non prosegue a causa di una proprietà privata ben recintata, 

e re-immettersi con molta attenzione nella via Vulcano stessa,

manovra da fare con molta cautela se non si vuole finire sotto qualche automezzo pesante

che spesso transita la zona per andare al Magazzino Merci dell’AST.

Read More…Read More…

Non dica Ascesi, ché direbbe corto ma Oriente se proprio dir vuole …

Non dica Ascesi, ché direbbe corto ma Oriente se proprio dir vuole …

Non dica Ascesi ché direbbe corto ma Oriente se proprio dir vuole …
Non dica Ascesi, ché direbbe corto ma Oriente se proprio dir vuole … Il Sole nel campanile della basilica di San Francesco

Non dica Ascesi, ché direbbe corto ma Oriente se proprio dir vuole sono le parole del XI Canto del paradiso.

Questo canto è stato oggetto di una mia relazione ad un convegno organizzato, dal Movimento Carismatico, nel 1990, proprio ad Assisi, e che aveva per tema il Paradiso.

Non è che il sottoscritto sia una dantista, sono solo un appassionato di Dante Alighieri, che ho studiato al liceo e riscoperto da adulto, ascoltando per radio le lectio dantis di Vittorio Sermonti.

Queste  lectio che mi hanno accesso una passione per il sommo poeta che ogni tanto viene fuori, spingendomi a rileggere quella poesia che a scuola mi sapeva così astrusa e difficile e che ora invece mi pare dolce, armoniosa, musicale.

E così al convegno di carismatici, invitato a parlare del Paradiso di Dante da un amico che conosceva questa mia passione,  non pretesi di dare una lettura critica e scientifica del testo che scelsi di commentare, il canto XI del Paradiso di Dante, quello da cui sono tratte le parole Non dica Ascesi che direbbe corto. 

Cercai di fare una lettura spirituale e incarnata, ricordando fin dalle prime parole ai convenuti che essi avevano il privilegio di trovarsi:  Intra Tupino e l’acqua che discende del colle eletto dal beato Ubaldo…

Read More…Read More…