Armonizzare l'atmosfera

Mater Misericordiae social fama di un not official logo

Mater Misericordiae social fama di un not official logo

Mater Misericordiae

Misericordes Sicut Pater

Vi è piaciuto il logo del giubileo?

Opera del gesuita Padre Marko I. Rupnik, il logo che riporta la frase del vangelo di Luca (Lc 6,36) “Siate Misericordiosi come lo è il Padre Vostro”, mette insieme diverse parabole e pericopi del vangelo della Misericordia.

Dalla parabola del buon Samaritano, come suggerisce l’immagine dell’uomo soccorso dal Cristo Samaritano, a l’immagine del buon pastore del Vangelo di Giovanni, alla parabola del buon pastore che va in cerca della pecora perduta e gioisce quando la ritrova.

Davvero geniale vedere come un’immagine riesce a descrivere insieme almeno tre brani così importanti e indirettamente la prima sentenza delle beatitudini ‘Beati i misericordiosi perché troveranno Misericordia’, la parabola dei figlioli e del padre prodigo (perché sono tutti e tre prodighi specie il padre che non esita ad ammazzare il vitello grasso per il figlio ritrovato) e il “Padre Nostro“.

L’idea grafica poi di sovrapporre l’occhio del Cristo con quello del povero, quasi una tensione a identificare i due personaggi richiama anche il giudizio finale del Vangelo di Matteo (Mt 25,31-ss)  dove il Cristo giudice si identifica con il più piccolo dei fratelli perché io ho avuto fame e mi avete dato da mangiare, ho avuto sete e mi avete dato da bere; ero forestiero e mi avete ospitato,  nudo e mi avete vestito, malato e mi avete visitato, carcerato e siete venuti a trovarmi.

Insomma un logo, un disegno ad alta densità biblica e scarno e simbolico nei segni, in modo assai distante da quella che può essere per esempio l’iconografia bizantina, che pure vagamente richiama, come quella classica italiana per esempio, esprimendo una modernità che può piacere o non piacere ma che ormai ha segnato un epoca storica e che forse a chi non piace, con il tempo piacerà … 

Read More…Read More…

Barzellette Storiche del generale Aldebrano Micheli

Barzellette Storiche del generale Aldebrano Micheli

Barzellette storiche DSC05240 copy
Barzellette storiche: Il Generale Aldebrano Micheli in una foto a margine del convegno sanità amica a Terni, di cui è stato relatore  … nella pagina seguente un suo appello per l’assistenza ai disabili

Barzellette Storiche

Il Generale Aldebrano Micheli che  conduce da anni una battaglia per una assistenza dignitosa alle persone di malattie degenerative in cui valorizzare le famiglie facendo risparmiare lo stato, non finisce mai di sorprendere anche quando al termine di una cena tra amici, decide di raccontare le barzellette.

Da persona colta e preparata qual’è anche quando declama le sue barzellette, due delle quali ho ripreso con la telecamera del mio iphone, vengono fuori riferimenti a dei momenti storici che riguardano il passato ma che hanno ancora tante implicazioni con il presente!

Ecco la prima:

[youtube]http://youtu.be/ZUWjShfY0g4[/youtube] …

 

L’avete ascoltata bene? Non vi ricorda nulla? …

Read More…Read More…

COMMENSALI EXTRACOMUNITARI LIMONI E ALTRO

COMMENSALI EXTRACOMUNITARI LIMONI E ALTRO

commensali extracomunitari limone-costa-amalfi
commensali extracomunitari? no grazie – nella foto limoni di Amalfi

Commensali extracomunitari limoni e altro, oppure soltanto stranieri, a tavola, ma non come invitati, come ingredienti o come cibi che consumiamo.

Siamo la patria del limoni, ad Amalfi ce ne sono di particolari, rinomati in tutto il mondo anche per il limoncello che si fa con questi.

in Sicilia poi ce ne sono tantissimi e la loro qualità non ha nulla da invidiare a quelli amalfitani.

Eppure vado al supermercato e trovo limoni Argentini, decido di prenderli da un’altra parte, per principio, perché non si può comprare della frutta proveniente dall’altro capo del mondo quando ne produciamo di ottima in Italia …

Read More…Read More…

Cellophane: La Sicilia degli anni 80′ vista dagli occhi di Aurora

Cellophane: La Sicilia degli anni 80′ vista dagli occhi di Aurora

CellophaneCellophane

Metti che una sabato sera ti trovi al Kaos (un art center del comune di Terni dato in appalto ai privati e che comincia anch’esso a sentire il degrado) per la presentazione di un libro di un tuo amico e che una tua amica che incontri per caso, ti saluta e ti dice: “fermati che tra un po’ c’è Cinzia Leone che ti presento, parlerà del suo libro Cellophane, lo hai letto?”. Sono inviti questi che non si possono rifiutare, specie per la stima dell’amica che ti invita, pazienza per gli impegni presi con quelli di casa, proprio il giorno del mio compleanno, mando un sms e li avviso: “arriverò più tardi perché …”. Sulla fiducia del consiglio della mia amica, acquisto anche Cellophane, che stava nella bancarella dei libri della fiera e prima della presentazione arrivo a leggerne il primo capitolo e devo dire che mi intriga subito e mi fa anche sorridere, visto che nel mio piccolo impegno politico di consigliere circoscrizionale di rifiuti me ne sono occupato innumerevoli volte, direttamente e indirettamente.

CAM00309

Read More…Read More…

Sicilia Verde ovvero il sole e gli affetti che si perdono nel tempo

Sicilia Verde

Sicilia Verde il sole sul mareSicilia Verde, è il nome che ho voluto dare ad un filmato che ho fatto nei luoghi della mia Sicilia, un giorno di primavera un po’  triste, causa la perdita di una persona a me molto cara, come un padre, pur non essendo padre nel sangue.

Ho voluto scrivere anche le parole che seguono in suo ricordo, le ho scritte in Italiano e poi fatto tradurre in siciliano da una persona che il siciliano conosce molto meglio di me …

Il siciliano lo capisco molto bene ma purtroppo lo parlo molto male, perché a casa dei miei il siciliano non si parlava più.

Read More…Read More…