Armonizzare l'atmosfera

Carlo Acutis Santa Messa alla Porziuncola ore 9.30 12/10/15

Carlo Acutis Santa Messa alla Porziuncola ore 9.30 12/10/15

Carlo Acutis

Siamo alla vigilia di un nuovo e inaspettato Anno Santo, proclamato da Papa Francesco, ma pensando al Servo di Dio, Carlo Acutis, vengono in mente le parole che San Giovanni Paolo scrisse nella Lettera Apostolica Novo Millennio Ineunte,  rivolgendosi all’episcopato, al Clero e ai Fedeli,  al termine del Grande Giubileo dell’anno Duemila.

Carlo AcutisEcco le testuali parole della lettera che da sole esprimono già, quasi profeticamente, la santità di questo giovane ragazzo milanese che ha voluto aspettare la sua resurrezione, e non per caso, ad Assisi:

§30. E in primo luogo non esito a dire che la prospettiva in cui deve porsi tutto il cammino pastorale è quella della santità. Non era forse questo il senso ultimo dell’indulgenza giubilare, quale grazia speciale offerta da Cristo perché la vita di ciascun battezzato potesse purificarsi e rinnovarsi profondamente?
Mi auguro che, tra coloro che hanno partecipato al Giubileo, siano stati tanti a godere di tale grazia, con piena coscienza del suo carattere esigente. Finito il Giubileo, ricomincia il cammino ordinario, ma additare la santità resta più che mai un’urgenza della pastorale …

Read More…Read More…

Saxum ovvero la pietra dell’Opus Dei Don Alvaro del Portillo

Saxum ovvero la pietra dell’Opus Dei Don Alvaro del Portillo

Saxum
Saxum. L’immagine tratta dal sito http://www.it.josemariaescriva.info/ ricorda la visita e la preghiera del Papa San Giovanni Paolo Secondo davanti alle spoglie mortali di Don Alvaro a Villa Tevere.

Saxum

Il 27 Settembre 2014, è il giorno della beatificazione del servo di Dio Alvaro del Portillo, un uomo che non ebbe solo grande influenza all’interno dell’0pera fondata da mons. Escrivà, l’Opus Dei, ma anche nel cammino della chiesa universale per il suo nascosto ed efficace lavoro nell’ambito del Concilio Vaticano Secondo.

Ben consapevole di quello che avrebbe significato il Concilio per il futuro cammino della chiesa,  s’impegno a fondo nel lavoro delle commissioni conciliari e l’impronta del suo lavoro si vede tutta nel documento forse più rivoluzionario del Concilio stesso, l’APOSTOLICAM ACTUOSITATEM, il decreto sull’apostolato dei laici, che segnò la fine di una visione piuttosto miope del Cattolicesimo e del Paradiso Cristiano, che lo vedeva popolato da papi, vescovi, sacerdoti, frati, suore e raramente molto raramente da qualche fedele laico.

Per trovare qualche laico tra i santi canonizzati dalla Chiesa, bisognava ricercare tra i primi santi e martiri cristiani, giusto Santa Monica faceva eccezione, ma perché la madre del più famoso Sant’Agostino, vescovo ed estensore di una regola molto seguita durante tutto il medioevo (Sant’Antonio da Padova e Martin Lutero furono monaci agostiniani) e ancora ben presente nell’epoca moderna … 

Read More…Read More…

Giovanni Paolo II un santo contro la Mafia

Giovanni Paolo II un santo contro la Mafia

Giovanni Paolo IIGiovanni Paolo II Questa mattina papa Francesco ha letto (in latino) il testo che segue (nella traduzione italiana)  e che ha sancito l’iscrizione nell’albo dei santi dei due papi che hanno segnato la storia dell’ultimo secolo del vecchio millennio e gli albori del millennio che è venuto. Ad onore della Santissima Trinità, per l’esaltazione della fede cattolica e l’incremento della vita cristiana, con l’autorità di nostro Signore Gesù Cristo, dei Santi Apostoli Pietro e Paolo e Nostra, dopo aver lungamente riflettuto, invocato più volte l’aiuto divino e ascoltato il parere di molti Nostri Fratelli nell’Episcopato, dichiariamo e definiamo Santi i Beati Giovanni XXIII e Giovanni Paolo II e li iscriviamo nell’Albo dei Santi e stabiliamo che in tutta la Chiesa essi siano devotamente onorati tra i Santi. Nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo Il miglior commento a quanto è successo oggi lo troviamo nelle parole dello stesso  papa Giovanni Paolo II sulla santità al capoverso 30 della sua lettera apostolica Novo Millennio Ineunte che scisse al termine del famoso giubileo dell’anno duemila:

(30) E in primo luogo non esito a dire che la prospettiva in cui deve porsi tutto il cammino pastorale è quella della santità. Non era forse questo il senso ultimo dell’indulgenza giubilare, quale grazia speciale offerta da Cristo perché la vita di ciascun battezzato potesse purificarsi e rinnovarsi profondamente? Mi auguro che, tra coloro che hanno partecipato al Giubileo, siano stati tanti a godere di tale grazia, con piena coscienza del suo carattere esigente. Finito il Giubileo, ricomincia il cammino ordinario, ma additare la santità resta più che mai un’urgenza della pastorale.

Non fu profetico San Giovanni Paolo II nel’augurio che formulò? Non fu il primo a purificarsi e rinnovarsi profondamente anche con delle sofferenze che lo straziarono e lo resero muto, lui che voleva fino all’ultimo annunciare il Vangelo a tutto il mondo?

Read More…Read More…

La Grande Bellezza e il problema del senso della vita

La Grande Bellezza e il problema del senso della vita

La Grande BellezzaLa Grande Bellezza

Vi è piaciuta la Grande Bellezza?

Vi ha attratto?

Vi ha fatto addormentare?

Vi ha fatto riflettere un po’ sulla vita e sulla morte?

Sulla droga, il sesso, la Chiesa, la malattia, la depressione, la donna, la madre, il matrimonio, la coppia, il primo amore?

Sull’amore eterno?

Sullo stesso concetto di eternità. Ma soprattutto sulla domanda fondamentale: cosa è la vita?

La ricerca dell’effimero?

Il Successo di un libro, di una recitazione, di una continua battaglia contro la morte?

E soprattutto la grande bellezza è al di là o è già qua, il cercare la grande bellezza è la grande bellezza?

Il vedere trascorrere la vita senza rispondere ad alcun perché è vivere già la Grande Bellezza?

E il libro mai scritto non è il libro stesso della vita che si scrive vivendo?

In effetti il film di carne sul fuoco ne mette molta e il ritmo del film è tale che o si entra dentro il film oppure l’attenzione cala subito e con essa il pericolo di addormentarsi si corre seriamente …

Read More…Read More…