Armonizzare l'atmosfera

LenrTerni3 Metamorfosi della Materia Nella Materia Condensata prove tecniche di sperimentazione ad uso non esclusivo dell’Industria 4.0

LenrTerni3 Metamorfosi della Materia Nella Materia Condensata
Prove tecniche di sperimentazione ad uso non esclusivo dell’Industria 4.0

LenrTerni3

Pagina di servizio IN AGGIORNAMENTO dell’ incontro Lenr a Terni.

A Pag. 2 Benvenuto dell’Istess, Affidamento a Maria dei Lavori della Giornata, Inno alla  Materia, Introduzione del sottoscritto e relazione Carlo Piccioli sul problema dell’uno e dei molti, la presenza dell’essenza al mutare delle forme.

La  Sessione del mattino: L’importanza del primato tecnologico nella storia dell’Industria Ternana, Pyroshock test management nei luoghi del balipedio nel link http://www.claudiopace.it/balipedio-ternano/

Pag. 3  Lenr&Creato:

Locandina:

LenrTerni3
Clicca per ingrandire l’immagine

Clicca qui per il Comunicato Stampa pubblicato su linkedin Qui per visualizzare l’evento su Google+ e QUI su Facebook

L’evento nel sito del Comune di Terni e il comunicato del Comune
http://www.comune.terni.it/news/lernterni-sabato-30-settembre-il-terzo-convegno

Papa Francesco

LenrTerni3
Da un twit di Papa Francesco l’ispirazione a trattare i temi del terzo incontro Lenr #LenrTerni3 a Terni parlando anche del contributo che la ricerca Lenr può dare a questioni di così grande importanza

Ecco il testo del twit messo in rete il 16 Settembre alle ore 13.30:

Serve un’azione globale per affermare contemporaneamente la riduzione dell’inquinamento e lo sviluppo dei paesi poveri

Luogo dei lavori

Sala del Cenacolo di San Marco via del Leone 12 Terni (Attenzione ZTL con telecamere)

Orario

Ore 10 – 13 Sessione del Mattino

Ore 15 – 18 Pomeriggio Lenr&Creato

Contenuti

Dopo il convegno Assisi nel Vento tenutosi alla Domus Latitiae di Assisi il 12 e 13 Maggio di quest’anno,

è stato fatto il punto sulla situazione della ricerca Lenr e messe le basi per il successivo convegno di Roma sulla futura energia.

Con la fine dell’estate sono è stato ripreso a Terni un confronto con i ricercatori Lenr e persone interessate

per discutere alcune problematiche di attualità  in particolare:

la possibilità di riprodurre in Italia l’esperimento di Mizuno,

le conferme teoriche alle teorie piezonuclari nella previsione dei sismi,

i diversi campi di applicazione dove la ricerca Lenr può essere utilizzata anche per dare una risposta concreta al twit di papa Francesco.

Argomento questo da vedere anche nell’ottica dell’Industria 4.0 una sfida anche per il mondo della ricerca scientifica.

Benvenuto dell’Ospite

Don Enzo Greco, Assistente Spirituale dell’Istess, che ci ospita nella loro sede, darà il suo benvenuto commentando l’inno alla Materia di Padre Teilhard De Chardin Clicca QUI per vedere la Playlist iniziale

Hanno assicurato la loro partecipazione:

Sergio Dotto, ricercatore di storia locale, curatore del sito archeologiaindustriale.org e vice presidente vicario del Centri Studi Malfatti
[L’importanza del primato tecnologico nella storia dell’Industria Ternana]

Lucia di Masso Ceo Serms e Antonio Alvino, direttore tecnico Serms [Pyroshock test management nei luoghi del balipedio]

Carlo Piccioli del Centro Studi il Presidio [Il problema dell’uno e dei molti: la presenza dell’essenza al mutare delle forme]

Clicca QUI per vedere la Playlist con la Sessione del Mattino

Lenr&Creato

Ubaldo Mastromatteo, ricercatore Lenr e fondatore dell’Associazione per la Ricerca della Genesi delle Anomalie Lenr [Ripetizione in Italia dell’esperimento di Mizuno]

Davide Imperatori tecnico del Team di Ugo Abundo [Comportamento delle micropolveri sottoposte a sollecitazioni ad impulso]

Fabio Cardone fisico, ricercatore e professore universitario, autore del libro sulla futura energia [La metamorfosi nella materia condensata]

Francesco Celani fisico e ricercatore Lenr dell’INFN di Frascati, candidato nobel per la pace nel 2004 [Energia, “Modello Standard”, LENR, Nuova Energia.]

Al dr. Celani la nostra solidarietà nella sua lotta per proseguire le attività del suo laboratorio Lenr dell’INFN che rischia seriamente di chiudere.

Di seguito l’appoggio del premio Nobel JosephSon

Download (PDF, 283KB)

Pag. 3  Lenr&Creato

Link a convegni Precedenti

1° LenrTerni

Dall’Energia per la fabbrica del metallo al metallo per la fabbrica dell’Energia?

http://www.claudiopace.it/convegno-lenr-terni/

http://www.claudiopace.it/filmati-convegno-lenr-terni/

2° LenrTerni

Lern e le altre rinnovabili. 

http://www.claudiopace.it/lenrterni-lern-e-le-altre-rinnovabili-al-palasi-terni-il-3-ott-2015/

http://www.claudiopace.it/nuove-trasformazioni-della-materia/

Altri filmati

Pomeriggio Lenr & Creato 2015

Laudato si’

lenrterni al Palasì di Terni 3 Ottobre 2015

Lenr on Cirps

Lenr Carpinteri all’Enea

Pomeriggio Lenr & Creato a Loreto

Pomeriggio Lenr Assisi Ubaldo Mastromatteo

Claudio Pace Terni 17 9 2017 Su LenrTerni3

Salmo 137 (136) Dalla Bibbia a Quasimodo ai fatti di Sangue di Nizza e Barcellona e a Papa Francesco

Salmo 137 (136) Dalla Bibbia a Quasimodo ai fatti di Sangue di Nizza e Barcellona e a Papa Francesco

Salmo 137

Sopra i fiumi di Babilonia,

là sedemmo e anche piangemmo nel ricordarci di Sion

Sopra i salici

nel suo mezzo

appendemmo le nostre cetre

Perché là ci chiesero i nostri deportatori parole di di canto

e i nostri aguzzini, Gioia:

“Cantate a noi del canto di Sion”.

Salvatore Quasimodo con aggiunta in corsivo

E come potevamo noi cantare
con il piede straniero sopra il cuore,
fra i morti abbandonati nelle piazze
tra i corpi massacrati dal terrore
nelle strade del passeggio di Nizza e di Barcellona

sull’erba dura di ghiaccio, al lamento
d’agnello dei fanciulli, all’urlo nero
della madre che andava incontro al figlio
crocifisso sul palo del telegrafo?
Alle fronde dei salici, per voto,
anche le nostre cetre erano appese,
oscillavano lievi al triste vento.

Salmo 137

Come canteremo il canto di Adonai su suolo straniero?

Se dimentico te Gerusalemme dimentichi la mia destra

Si attacchi la mia lingua la mio palato se non mi ricordo di te

se non metto Gerusalemme in capo alla mia gioia

Ricorda Adonai i figli di Edom

l’ora di Gerusalemme in cui dicevano:

‘Spogliate! Spogliate fino ai basamenti di essa’.

Figlia di Babilonia devastatrice!

Beatitudini a chi restituirà a te la tua azione che facesti a noi.

Beato colui che afferrerà e che sfracellerà i tuoi piccoli alla roccia.

Papa Francesco

Ma beato ancor di più chi è capace a non farsi coinvolgere dalla spirale di Odio

che ha compassione di chi ha subito il male

e condanna fermamente la violenza

senza chiedere la morte dei malvagi ma la loro conversione.

Claudio Pace 20 08 2017 Salmo 137 (136) http://www.intratext.com/ixt/ITA0001/_PIS.HTM

Regina Coeli 28 Maggio 2017

Cari fratelli e sorelle,

desidero esprimere nuovamente la mia vicinanza al caro fratello il Papa Tawadros II

e a tutta la Nazione egiziana, che due giorni fa ha subito un altro atto di feroce violenza.

Le vittime, tra cui anche bambini, sono fedeli che si recavano a un santuario a pregare,

e sono stati uccisi dopo che si erano rifiutati di rinnegare la loro fede cristiana.

Il Signore accolga nella sua pace questi coraggiosi testimoni, questi martiri, e converta i cuori dei terroristi.

E preghiamo anche per le vittime dell’orribile attentato di lunedì scorso a Manchester, dove tante giovani vite sono state crudelmente spezzate.

Sono vicino ai familiari e a quanti ne piangono la scomparsa …

 

Antonio Socci e la presunta protesi alla gamba di papa Francesco

Antonio Socci e la presunta protesi alla gamba di papa Francesco

Antonio Socci

Antonio SocciStamattina ho visto sul profilo Twitter di Antonio Socci un post dei suoi che criticava Papa Francesco,

anzi Bergoglio come suole chiamarlo,  perché seduto

e non inginocchiato davanti al Santissimo  Sacramento nel duomo di Milano.

“Nel Duomo di Milano. Bergoglio (SEDUTO) davanti al Santissimo.

Come sempre seduto.”

scrive Antonio Socci,  pubblicando come foto i due ritagli presi dal Corriere della Sera.

Un Twit al quale non ho saputo resistere alla tentazione di rispondere:

Read More…Read More…

Vescovado Assisi a porte aperte tra memoria e nuova evangelizzazione

Vescovado Assisi a porte aperte tra memoria e nuova evangelizzazione

Vescovado Assisi

Nuova Evangelizzazione

Quando si pensa ad Assisi, si pensa a San Francesco e Santa Chiara, si pensa a Giotto e alle sue bellezze artistiche, si pensa a Papa Francesco e ai papi da Giovanni XXIII in poi che l’hanno visitata e messa al centro dell’attenzione del mondo come la città della Pace, la città per eccellenza della salvaguardia del Creato.

Ma Assisi ha una dimensione ecclesiale comune a tutte le diocesi del mondo, ha il suo vescovo, i suoi pastori, le parrocchie, i suoi sinodi pastorali come in tutta la chiesa cattolica che appunto significa universale.

E come in tutta la chiesa, ad Assisi si sente l’anelito di una nuova evangelizzazione, nella quale come sostiene il vescovo Sorrentino, il ruolo dei laici assume grande importanza.

Il ruolo dei laici fu una delle novità del concilio che ormai ha compiuto più di mezzo secolo di storia, ma non per questo si può dire compiuto e realizzato, anzi forse di strada da compiere c’è ne è ancora tanta.

Vescovado Assisi a porte aperte

Di qui l’invito del Vescovo di Assisi nella sua storica casa, nella quale anche Papa Francesco è venuto il 4 ottobre del 2013.

Papa Francesco tenne un discorso memorabile proprio nella storica sala della Spoliazione, che ricorda il luogo dove Francesco si denudò pubblicamente degli abiti di suo padre Pietro da Bernardone cominciando una vita nuova, una nuova evangelizzazione, nella radicalità del Vangelo, vissuto integralmente prima ancora di essere annunciato.

Dopo l’incontro tra le persone della chiesa di Assisi con il proprio Vescovo, in cui protagonista è stato proprio il canto e la lode secondo l’antica tradizione della chiesa umbra, una visita guidata, dal direttore dei beni culturali della diocesi di Assisi, Francesca Cerri.

Una visita del Vescovado che è stata in realtà una visita nell’arte, nella cultura e nella memoria, dei cunicoli e dei luoghi esatti in cui Francesco spogliandosi poteva essere preso e bruciato direttamente come eretico ed invece ebbe il manto del vescovo Guido che lo accolse pur nella novità del suo straordinario carisma.

Vescovado Assisi luogo di rifugio per gli ebrei

Ma non solo Francesco nel Vescovado si trovano i luoghi dove numerosi ebrei hanno trovato scampo dalla furia della Bestia Nazista che voleva eliminare con le loro vite anche le radici della nostra fede e della nostra cultura, che sono radici giudaico cristiane, perché Gesù, Maria, Paolo, gli apostoli erano tutti ebrei e seguivano strettamente fino all’ultimo Iod della Torà.

Claudio Pace su Vescovado Assisi 18 Dicembre 2016