Armonizzare l'atmosfera

Orrori Isis Share, Sharia e disinformazione

Orrori Isis Share, Sharia e disinformazione

Orrori Isis

Circolano in rete dei siti web di giornalismo, dove alle volte le notizie sono dette a metà, in modo accattivante, con foto che da sole invitano a cliccare, perché quello è il loro scopo, che vi si clicchi sopra, perché cliccando aumenta il loro guadagno.

Gli argomenti sono i più disparati, dall’episodio del fedifrago, all’animale che fa qualcosa di strano, dal meteo … agli ultimi orrori Isis che sono stati diffusi in rete o nei siti internazionali da fonti non sempre attendibili, perché di persone che stazionano in quei luoghi (come gli inviati di guerra per esempio) ce ne sono sempre di meno.

La disinformazione sugli orrori Isis è il fatto stesso che questi siano diventata merce, news che fanno share che danno clic al sito e quindi pubblicità, senza che si cerchi di capire bene come stanno le cose, alla fine alimentando un certo luogocomunismo fatto da affermazioni assai discutibili, con equazioni improbabili come quella che leggo oggi su un sito tra i più seri ed informati come “Il Giornale”, che nega ad ogni costo l’esistenza di un Islam moderato perché il Corano stesso è in sé un libro violento  generatore di violenza …

Read More…Read More…

Ecumenismo fragile senza che si chieda la Verità tutta intera

Ecumenismo fragile senza che si chieda la Verità tutta intera

Ecumenismo fragile
Ecumenismo fragile: La colomba, simbolo dello Spirito, in una vetrata  di fr. Eric di Taizé.

Ecumenismo fragile

Il Suono delle campane di Taizé, quanto è dolce riascoltarlo, …

Il primo rintocco sembra quello di un angelo solista che da l’avvio alla corale celeste con un “AlleluYa”.

Immediato un controcanto, come una eco risponde e si sente lo …”Ya” finale

e poi un altro che come un canone a più voci fa la stessa cosa e poi un terzo e ed un quarto e cominciano ciascuno a dire

“Dio è amore,  Dio è pace, Dio è unità, Dio è sapienza, Dio è letizia, Dio è verità, Dio è unità, Dio è umiltà, Dio è carità, Dio è salute, Dio è fortezza, Dio è grandezza, Dio è armonia, Dio è grazia, Dio è dispensatore di carismi …”

e poi il descrescendo fino agli ultimi rintocchi che sembrano dire sommessamente : “Dio è Misericordia, Dio è Misericordia, Dio è … Misericordia.”

Read More…Read More…

Casco AST Terni per non far cascare giù il lavoro

Casco AST Terni per non far cascare giù il lavoro

Casco AST Terni
Casco Ast Terni ormai sta diventando un profilo di molti, ternani e non, preoccupati per le sorti dell’Ast di Terni

Casco Ast Terni

Scrive su facebook un amico, non solo virtuale, e non dipendente dell’AST:

“Amici ho idea, forse strampalata, ma vorrei dirvela.

Tutti quanti abbiamo collegamenti con pagine fcbk di petsonaggi più o meno famosi, radio, tv e Giornali.

Perché non proviamo a diffondere la situazione ast per sollevare un po di polvere?

Forse non otterremo niente o forse qualcuno inizierà a notare la questione.

Quello che tk vuole è far passare tutto sotto silenzio, almeno cerchiamo di fare rumore.

Postiamo la foto dell’elmetto Terni dovunque possiamo… “.

Credo che siano tanti ormai i profili che hanno hanno adottato questa foto che porta alla sua sinistra la data del 19 Marzo 1981 quella della visita del papa operaio e santo (alla cui intercessione ci affidiamo!) che portò proprio questo casco come si vede molto bene da questa foto, un piccolo segno di solidarietà in una situazione che rimane difficile nonostante che il governo sulla questione Ast ci ha messo la faccia e i media nazionali (oggi un articolo sul Corriere della Sera)  della questione continuano ad occuparsi …  

Read More…Read More…

Giona profeta apocalissi e distruzioni, un segno dei tempi?

Giona profeta apocalissi e distruzione un segno dei tempi?

Giona Profeta
Giona Profeta raffigurato così nella cappella sistina

Giona Profeta

Se c’è un libro nella Bibbia che da il senso dell’umorismo di  Dio, questo è il libro del profeta Giona,   un libro che, confesso, da giovane padre mi piaceva leggere ai miei figli, quando erano piccoli, anche per farli addormentare.

E’ una storia semplice e affascinante, parabola della vita di ogni uomo che illudendosi di allontanarsi da Dio si ritrova nel pericolo e si riavvicina e rinsavendo si decide a fare finalmente quello che Dio gli chiede,anche se gli costa.

Giona infatti conscio del pericolo di essere malmenato o ucciso, perché spesso questa è la sorte dei profeti che predicano la Parola di Dio e la conversione e non quello che la gente si vuole sentire dire,   scappa verso Tarsis il porto più lontano del Mediterraneo allora conosciuto, ma invano.  

Una tempesta impedisce alla nave di proseguire la sua navigazione e solo buttando a mare il profeta fuggiasco, cosa che i marinai non vogliono nemmeno  fare temendo di attirarsi la maledizione di Dio, la tempesta cessa, la nave prosegue il suo cammino, e Giona viene salvato attraverso un pesce nelle cui viscere rimane per tre giorni e tre notti.

E’ il Segno di Giona, quello che nel racconto evangelico il rabbì Gesù attribuisce a se stesso, dove il ruolo delle viscere del pesce, del ventre del pesce è sostituito dalla ‘Sua Tomba Nuova‘ che rimane vuota e diventa essa stesso segno della sua nuova identità, di un destino diverso dell’uomo e di una nuova navigazione di una nuova barca di quelli che al segno di Giona credono …

Read More…Read More…

Duepapisanti, due papi santi per la chiesa e per il mondo

Duepapisanti, due papi santi per la chiesa e per il mondo

DuepapisantiDuepapisanti #DuePapiSanti #2PapiSanti

E’ arrivato il gran giorno, giorno in cui Papa Francesco alla presenza di Papa Benedetto sedicesimo,  proclamerà santi, i due papi santi, Giovanni ventitreesimo e Giovanni Paolo Secondo, per la gioia di tutta la chiesa, e soprattutto dei fedeli polacchi che hanno invaso anche l’Umbria.

Oggi infatti, ad Assisi dove mi sono recato insieme ad un nutrito gruppo di ternani, per la triste circostanza del funerale del giovane e amato custode della Porziuncola, fra Fabrizio Migliasso, si vedevano numerosissimi gruppi di pellegrini stranieri che hanno letteralmente invaso la città e che domani invaderanno Roma.

Papa Giovanni XXIII, si può dire che è il primo papa che ha sdoganato la tenerezza nella Chiesa, non solo per il famoso discorso della luna della famosa carezza del papa da dare a tutti i bambini e che quindi è arrivata anche a me che sono nato dopo circa un mese dell’elezione del papa buono, ma anche per quel suo pregare ed essere semplice e cercare di costruire ponti con una cristianità, per troppi secoli divisa e lontana dalle parole pronunciate da Gesù nella sua famosa preghiera “Che tutti siano uno” (Ut Unum Sint), preghiera, che potrà realizzarsi solo se gli uomini sapranno usare i carismi che lo Spirito Santo elargisce a coloro che Lo amano …

Read More…Read More…