Armonizzare l'atmosfera

Estate pensieri estivi da un trend twitteriano #lamiapiazza

Estate pensieri estivi da un trend twitteriano #lamiapiazza

Estate

Come estranea non solitaria e frettolosa viandante

mi passasti davanti nel #lamiapiazza

incantandomi con la tua beltà.

 

Beltà troppo bella e sfuggente,

se volgessi il mio sguardo verso essa

dovrei socchiudere gli occhi

perché è come il sole ed è pericoloso guardarla.

 

Sole di cose che non possono più ripetersi:

Un treno perduto;

Una porta chiusa;

Un sogno svanito nel nulla.

 

Estate calda e soleggiata,

estate calda e afosa,

estate che non dai tregua ai miei pensieri di amore.

 

Estate che non plachi il mio tormento che mi tormenta,

e che come un pensiero ossessivo si ripete in un loop infinito

diretto verso l’eternità.

 

Ed è il tuo volto,

ed è il tuo nome

ed è il tuo sorriso

ed è la tua voce che chiama il mio nome per una cosa banale,

ma lo chiama, il mio, il nome, la tua voce di amante.

 

E tu sorridi del mio imbarazzo,

mentre mi chiedo se sto vivendo un pezzo di realtà o è  tutto un sogno.

 

Sogno reale o realtà immaginaria,

ossimoro di sentimenti e di significati reconditi

e nascosti di frasi senza senso ma non insensate.

 

Sto perdendo la strada maestra, sto perdendo la voce.

 

La ragione si allontana da me e si accavallano dentro i pensieri e le parole,

e mi si cela nuda la mia anima come quella di un vecchio insensato.

 

Oh Mio Adonai fammi ritornare bambino!

 

Come vorrei ritrovami piccino

nella pineta di Roio a giocare con gli altri più grandi di me,

mi pare di sentire ancora il fresco del bosco,

l’odore degli alberi e la polvere alzata dalla corsa.

 

Non sono a casa, sono molto lontano

e gioco e corro e so di sognare

mentre non cerco più di capire cosa sto vivendo

o immaginando di vivere.

 

Perché il mio cuore quando ti incontra accelera i suoi battiti

e  la fronte comincia a sudare senza controllo senza ritegno?

E non è il caldo di fuori è il fuoco di dentro

 

Ma tu sei tanto distante,

distesa forse sotto l’ombrellone di una ignota spiaggia

a leggere un libro di Kafka  e a sentire lo spruzzo delle onde

e la brezza che dal mare rinfresca l’ isola lontana.

 

Il pensiero di te, dovunque tu sia, qualunque cosa tu faccia,

mi fa tornare bambino, mi spinge ad offrirti al Cielo,

come una rosa strappata dal mio giardino.

 

Sei come una delle tante rose del Sharon lontano,

ma sei unica, la più bella e ti colgo

e ti alzo verso l’azzurro più intenso

verso il sole accecante che mi brucia la pelle

e la fa diventare sempre più nera.

 

E tu nella valle incantata di EnGaddi

fai lo stesso con un minuscolo giglio

mentre attendi che il seme che qualcuno al mattino

ha buttato nel profondo del tuo terreno

finalmente fiorisca.

 

Claudio Pace Blogger Terni 9 Agosto 2015  Vigilia di San Lorenzo Anniversario della distruzione di Nagasaki su Estate pensieri estivi da un trend twitteriano #lamiapiazza

Estate Pensieri Estivi

Ettore Majorana il mistero, la pace e il teorema di Fermat

Ettore Majorana il mistero, la pace e il teorema di Fermat

Ettore Majorana

Ci sarebbe tutto il materiale per fare la sceneggiatura di un film, che  inizi proprio  a Roma, la città della grande bellezza, sui gradini della fontana di Trevi, con un primo piano su un clochard, uno dei tanti che per ragioni tanto diverse e con storie tante diverse, puoi incontrare nelle strade della capitale.

Questi  dialogando con un operatore caritas, mentre riceve da lui  un po’ di cibo o una coperta o solo un po’ di attenzione, a Roma di questi  eroici volontari ce ne sono tanti, riceve dal Clochard la rivelazione del  suo nome, Ettore Majorana,  e la rivelazione di un segreto:  nella fontana di Trevi che avevano davanti c’era il modo di arrivare alla dimostrazione del teorema di Fermat.

Purtroppo dall’intervista pubblicata in rete dall’Ansa, in cui tutto questo è raccontato come un fatto  veramente capitato diversi anni fa, non ci sono gli elementi sufficienti a capire se si tratta di una bufala o se  il fatto è accaduto veramente.

In effetti  la fontana di Trevi, anche per colpa di Totò,  è la regina delle Bufale …

[youtube]http://youtu.be/5rYuIz54TQY[/youtube] 

Read More…Read More…