Armonizzare l'atmosfera

Kairos Il Suono dell’Io Sono Festa della Mia Parola Norcia 12 Nov. 2016

Kairos Il Suono dell’Io Sono Festa della Mia Parola Norcia 12 Nov. 2016

Kairos

Info

Pagina di introduzione e di servizio per l’organizzazione della Festa della Mia Parola prevista a Norcia il 12 Novembre 2016 a chiusura dell’Anno Santo.

Pagina in aggiornamento, l’evento in programma è confermato, ma causa il perdurare dello sciame sismico e della situazione di disagio per le popolazioni,viene trasferirlo a Terni nel medesimo giorno presso il Cenacolo San Marco in via Del Lenone 12 a partire dalle ore 9.30 per poi riproporne uno analogo a Norcia speriamo in primavera vedi QUI

Read More…Read More…

Medjugorje Messaggi Il Dono dell’Io Sono di Maria

Medjugorje Messaggi Il Dono dell’Io Sono di Maria

Medjugorje Messaggi

Il 25 Giugno scorso, trentacinquesimo anniversario dalla prima apparizione mariana di Medjugorje, una delle confidenti della Madonna ha ricevuto e diffuso il seguente  messaggio che ha una sua semplice struttura e una teologia profonda.

Esaminandone uno, a mio avviso assai importante e significativo, possiamo capire forse meglio l’importanza dei Messaggi di Medjugorje, per la parrocchia di Medjugorje e per il mondo intero.

Medjugorie Messaggi: il messaggio del 25 Giugno 2016

Cari figli!

a- Ringraziate Dio con me per il dono che “io sono con voi”.

a’- Pregate, figlioli, e vivete i comandamenti di Dio perché siate felici sulla terra.

b’- Oggi, in questo giorno di grazia desidero darvi la mia benedizione materna di pace e del mio amore.

b- Intercedo per voi presso mio Figlio e vi invito a perseverare nella preghiera perché con voi possa realizzare i miei piani.

grazie per avere risposto alla mia chiamata.

Medjugorje Messaggi: La struttura

Spesso in certi ambienti anche ecclesiali, nei confronti dei messaggi della Madonna di Medjugorje si tende a giudicare il contenuto come ‘scarso’, come fosse un cliché preparato, al massimo la trasposizione di una spiritualità nemmeno tanto profonda, nulla di più.

Eppure analizzandolo fin dalla sua strutturazione il messaggio non appare cosi superficiale.

Provate a togliere le righe a, a’, b, b’ quello che rimane è già un messaggio portante, ‘Cari Figli … Grazie per aver risposto alla mia chiamata’.

In mezzo azioni richieste dalla Madre e fatte dalla Madre, quelle di ringraziare, pregare, vivere i comandamenti.

Cosa quest’ultima che garantisce la felicità già sulla terra, felicità che si accresce grazie alla sua benedizione materna di pace e di amore e alla sua intercessione di Madre presso il Figlio, che legata alla perseveranza nella preghiera, permette di realizzare con i figli i suoi piani.

Medjugorje Messaggi: Il dono dell’ Io Sono con voi

A me che insieme ad alcuni amici ad Assisi nello stesso giorno del messaggio, festeggiavamo l’Io sono (Festa della Mia Parola) questa prima frase mi è apparsa una coincidenza davvero provvidenziale, una classica DioIncidenza

La Madre di Gesù prende a prestito una allocuzione tipica del Vangelo Giovanneo ‘Io Sono’ e in particolare del Risorto che alla fine del Vangelo di Matteo promette ‘Io_Sono con voi fino alla consumazione del secolo’(Mt 28,20), e la fa propria applicandola nel contesto della parrocchia di Medjugorje, sintetizzando con poche parole ciò che accade ormai da trentacinque anni.

Sì sono trentacinque anni di ‘Medjugorje Messaggi’ che sono un dono, il dono dell’essere Maria  con noi, attraverso una parrocchia e il tam tam dei media e delle testimonianze in tutto il mondo.

Medjugorje Messaggi: L’ Io Sono con voi dal Pilar alle Tre Fontane

Medjugorje Messaggi
Singolare coincidenza la parrocchia di Medjugorje è dedicata non a Maria, ma all’Apostolo Giacomo ( anche lui fondatore come Pietro secondo gli studi del teologo Francesco Bindella autore del saggio sui figli del Tuono).

Così mentre sentiamo di immigrati poveri uccisi per potere espiantare loro gli organi e utilizzarli come merce nel traffico più disumano che esista,  quello del trapianto illegale d’organi, o di persone massacrate perché non conoscono i versetti del Corano e di tantissime altre notizie di questo tenore malvagio, pur nel dispiacere e nel dolore profondo che queste arrecano, non disperiamo!

L’’Io Sono con Voi del Cristo Risorto infatti si manifesta anche nell’Io Sono con Voi della Madre, che ancora non assunta in cielo già assisteva i suoi figli in terra, come l’Apostolo Giacomo che in terra iberica, secondo la tradizione del Pilar, avrebbe ricevuto questo messaggio:

“Cura questa colonna sulla quale io sono poiché, stanne certo, è il Figlio mio e Maestro tuo che l’ha inviata dal Cielo, facendola portare dai suoi angeli.
Presso questa colonna poserai l’altare della cappella.
E in questo luogo, per le mie preghiere e la mia intercessione, la forza dell’Altissimo opererà prodigi e portenti mirabili, specialmente per coloro che, nella loro necessità, mi invocheranno.
Questa colonna si eleverà in questo luogo sino alla fine del mondo e mai mancherà in questa città chi veneri il nome di Gesù Cristo, mio Figlio”.

E non deve meravigliare che la Madre dica ‘Io Sono’.

Non proda il ruolo all’Io Sono che è suo Figlio, ma ne prepara la venuta, il ritorno, in una missione simile a quella di Giovanni Battista che era chiamato, nello spirito di Elia a preparare la venuta del Messia … Maria è l’Immacolata Corredentrice e a Bruno Cornacchiola alle tre fontane si presenta come ‘Io Sono colei che sono nella Santissima Trinità‘.

Medjugorje Messaggi: Maria Progettista di Dio nelle Scritture

Il ruolo di Maria è quello di coinvolgere i suoi figli, che seguendo i dieci comandamenti e pregando, diventano attori dei piani di Maria, tutti volti a far raggiungere al maggior numero di persone possibile il dono dell’Adozione a Figli, di salvare il Creato ( nello spirito della Laudato Si’ di papa Francesco), di diffondere l’Amoris Laetitia, di contribuire nella realizzazione di quell’Ut Unum Sint, che il Figlio stesso chiese al Padre, solennemente, prima di morire per loro:

Quelli che mi hai dato, Io Voglio, perché tutti siano uno … (Gv 17).

D’altra parte già nel Vangelo, Maria non è mai stata passiva, come purtroppo viene descritta in certe pessime prediche …

Già all’Angelo chiede spiegazioni del come è possibile che lei diventi Madre senza ‘conoscere uomo’ e ne ottiene rispettosa ed esauriente risposta, chiede al figlio adolescente il perché della sua fuga a Gerusalemme (Lc 2,42) e lo costringe, prima del tempo, a manifestarsi pubblicamente a Cana di Galilea trasformando l’acqua in vino, per non rovinare la gioia e la festa dei suoi parenti che avevano esaurito troppo in fretta le scorte di vino per la festa nuziale.  (Gv 2)

Lei che tanto ascendente aveva presso suo Figlio, tace invece quando questi facendo la Volontà del Padre si fa torturare e uccidere per il bene della nazione e del mondo intero, come attesta il vangelo del discepolo amato amplificando una profezia involontaria del sommo sacerdote Caifa. (Gv 11,49-ss)

Non avrebbe potuto comandare al Figlio di scendere dalla croce, cosa che se chiesto da Lei sarebbe stato fatto? Sì ma non lo comandò, per amore di tutti gli uomini, che per il sacrificio di suo figlio e suo sarebbero potuti diventare ‘figli e dei’ …  (Mt 27,40)

Medjugorje Messaggi: Maria nella Chiesa primitiva

E non è un caso che in lei e nelle altre donne e negli apostoli riuniti in preghiera a Gerusalemme, lo Spirito si siede. (At 2)

Perfino Paolo, che non parla mai della Madre di Gesù, pur indirettamente lega l’adozione a figli al suo ruolo di Donna, di Domina:

Ma quando venne la pienezza del tempo, Dio mandò il suo Figlio, nato da donna, nato sotto la Torah, per riscattare coloro che erano sotto la Torah, perché ricevessimo l’adozione a figli. E che voi siete figli ne è prova il fatto che Dio ha mandato nei nostri cuori lo Spirito del suo Figlio che grida: Abbà, Padre!” (Gal 4,4,-6)

Nato da donna, ma non da una donna qualsiasi ma dalla Donna, dalla Domina come Gesù moribondo definì Sua Madre prima di unirla al discepolo Amato che l’accolse come una Madre, come una sposa tra le cose della sua nuova casa. (Gv  19,25-27)

Nato da Donna, nato sotto la Torah mi verrebbe quasi voglia di scrive Nato dalla ‘Donna Torah, non solo per l’osservanza perfetta della Torah di Maria (lei senza peccato compie i riti della purificazione post parto come una qualsiasi donna ebrea  Lc 2,22-ss ) ma nell’intendere la Torah come qualcosa di più che la semplice Legge o la raccolta dei primi libri della Bibbia.

La Torah è in un certo senso la sapienza creata, quella sapienza che partecipa con Dio come architetto (Prv 8,30-ss), come progettista alla realizzazione della Parola Creatrice, quella sapienza che rinunciando ad una parte di se pose le sue tende in Sion …  (Sir 24,9-ss)

Claudio Pace 6 Luglio 2016 su Medjugorje Messaggi 

Mistica razionale e ricerca LENR all’Evento sull’IOSONO di Assisi

Mistica razionale e ricerca LENR all’Evento sull’IOSONO di Assisi

Mistica razionale

Gli interventi di Ubaldo Mastromatteo all’evento che si è tenuto ad Assisi lo scorso 26 Giugno 2016 dal titolo:

Io Sono Festa della Mia Parola, Carismi e Scienza per la Salvaguardia del Creato

Mistica Razionale, la prima parte con la spiegazione del confronto tra la spiritualità del Cantico delle Creature di San Francesco e la razionalità di Don Carlo Borghi

[youtube]https://youtu.be/cTQ_Mr8urhs?list=PLK40E5JdJBZTXC_ZOEHyi16pLylDDbJ_Y[/youtube]

Mistica Razionale, la seconda parte

[youtube]https://youtu.be/glPLCQcyNgI?list=PLK40E5JdJBZTXC_ZOEHyi16pLylDDbJ_Y[/youtube]

Download (PPT, 401KB)

Clicca QUI per l’intervento di Ubaldo Mastromatteo e gli interventi LENR nel Pomeriggio Lenr e Creato

Clicca QUI per le varie pagine del blog che contengono interventi di Ubaldo Mastromatteo su Don Carlo Borghi o sulla ricerca Lenr

Inno Fusione Fredda

L’inno della fusione fredda scritta da Ubaldo Mastromatteo, qualche anno fa.

[youtube]https://youtu.be/mwFy0k1cXzg[/youtube]

Ubaldo Mastromatteo  canta e suona la chitarra, e compone … Purtroppo ad Assisi non c’è stato tempo di eseguire insieme l’inno composto da Ubaldo, ci accontentiamo della versione su you tube, spero che non mancherà occasione in futuro di farlo.

Con l’evento celebrato ad Assisi abbiamo cercato di far capire che il mondo della ricerca scientifica non solo si accosta molto bene con il mondo della fede e quello assai particolare dei carismi straordinari, ma anche con quello che è il frutto primo della fede, il dono della Gioia.

Il canto, la musica esprimono la gioia, come è gioia condividere insieme le proprie ricerche, i risultati ottenuti nei propri lavori.

Assisi è come ci ha ricordato il neo sindaco di Assisi la città dell’ambiente per eccellenza, sulla scia di Francesco e Chiara, esempi fulgidi di povertà e umiltà.

Due virtù che tutti anche i ricercatori possono vivere nel loro lavoro quotidiano, mettendo da parte quella giusta ( se non eccessiva) rivalità  e condividendo quel pezzettino di conoscenze di creato in più che acquisiscono giorno per giorno con i loro esperimenti.

Claudio Pace su Mistica Razionale.  Nella PAGINA SEGUENTE gli interventi LENR del Pomeriggio Lenr E Creato 

Divina Volontà l’intervento di Padre Gary all’Io Sono Festa della Mia Parola

Divina Volontà l’intervento di Padre Gary all’Io Sono Festa della Mia Parola

Divina Volontà

Divina volontà Padre Gary
Divina Volontà. Padre Gary mentre celebra a San Rufino Assisi il 25 Giugno 2016 Anno santo della Misericordia

Contributo di Padre Gary all’evento “IO SONO” Festa della Mia Parola Carismi e Scienza per la Custodia del Creato Assisi Sabato 25 giugno 2016 – Sala Blu Comune di Assisi

Festa della Parola e del Creato

Chi è Luisa Piccarreta?

[youtube]https://www.youtube.com/playlist?list=PLK40E5JdJBZQZip4z7NxHu7TUeTiZJA-E[/youtube] Per vedere anche la seconda parte e la Messa celebrata da Padre Gary nella cappella eucaristica della cattedrale di  San Rufino ad Assisi cliccare sull’icone You Tube nel filmato o direttamente sul link https://www.youtube.com/playlist?list=PLK40E5JdJBZQZip4z7NxHu7TUeTiZJA-E

Dagli scritti della Serva di Dio.

(Cfr. Il volumetto “La Mia Parola” ecc.)

Volume 24, Aprile 4, 1928   (4)

Come in Dio la parola è tutto.

La conoscenza è il portatore dell’atto divino ed il possesso alle creature dei beni divini. Cura che prescrisse Gesù.

Stavo facendo il mio giro nel Fiat Divino, e nella mia mente si aggiravano tante cose sullo stesso Supremo Volere.

Onde pensavo tra me: “Come può essere che se le conoscenze di questa Divina Volontà saranno conosciute dalle creature, può venire il suo regno?

Se per venire il Regno della Redenzione fece tanto, non bastò il solo conoscere, ma operò, patì, morì, fece miracoli, e per il regno del Fiat Divino che è più della redenzione basteranno le sole conoscenze?” Ma mentre ciò pensavo, il mio sempre amabile Gesù si è mosso nel mio interno e mi ha detto:

“Figlia mia, per le creature, per formare la più piccola cosa hanno bisogno di opere, di passi e di materie prime, ma per Dio, per il tuo Gesù, non ha bisogno di nulla per creare e formare le opere più grandi ed universo intero; per noi la parola è tutto, non fu creato tutto l’universo colla sola parola?

E [al]l’uomo per godere di tutto questo universo bastò conoscerlo. Sono le vie della nostra sapienza che teniamo, che per dare ci serviamo della parola, e l’uomo per ricevere se ne deve servire di conoscere ciò che noi abbiamo detto e fatto colla nostra parola.

Difatti se qualche popolo non conosce tutte le varietà delle piante che sono sparse in tutta la terra, non gode né è padrone dei frutti di quelle piante – perché nella nostra parola c’è non solo la forza creatrice, [ma] unita insieme la forza comunicativa, cioè di comunicare alle creature quello che abbiamo detto e fatto; ma se non conoscono, nulla vien loro dato.

Che cosa aggiunse l’uomo per godere la luce del sole e ricevere i suoi effetti? Nulla, né aggiunse nulla all’acqua che beve, al fuoco che lo riscalda ed a tant’altre cose da me create; ma gli necessitava il conoscere, altrimenti sarebbe stato per l’uomo come se non esistessero.

La conoscenza è il portatore della vita dell’atto nostro ed il possesso alla creatura dei nostri beni.

Sicché le conoscenze sulla mia Volontà tengono virtù di formare il suo regno in mezzo ad essi, perché tale è stato lo scopo nostro di averle manifestate.

E se nella redenzione volli scendere dal cielo per prendere umana carne, fu perché volli scendere in tutti gli atti umani per riordinarli, molto più che Adamo si sottrasse dalla nostra Volontà Divina per contentare la sua umanità, e con ciò si disordinò tutto, perdette il suo stato d’origine, ed io dovetti fare la stessa via, scendere in una Umanità per riordinarlo di nuovo; e tutto ciò che feci in essa doveva servire come rimedio, medicine, esempio, specchio, luce, per poter mettere in ordine l’umanità decaduta.

Ora avendo fatto tutto ciò che era necessario, ed anche di più, tanto che io non avevo più che fare – feci tutto e operai da Dio, con mezzi sorprendenti e con amore invincibile, per riordinare questa umanità decaduta, e l’uomo non può dire che: ‘Questo, Gesù non l’ha fatto, per curarci, per riordinarci e metterci in salvo’.

E tutto ciò che io feci nella mia Umanità non fu altro che preparazione e cure che prescrivevo perché l’umana famiglia guarisse, per ritornare di nuovo nell’ordine della mia Divina Volontà.

Quindi dopo circa duemila anni di cura, è giusto e decoroso per noi e per lui che non sia più malato, ma che ritorni sano, per entrare nel Regno della nostra Volontà.

E perciò ci volevano le conoscenze di essa, per fare che la nostra parola creatrice – che parla e crea, parla e comunica, parla e trasforma, parla e vince, parla e fa sorgere nuovi orizzonti, nuovi soli [per] quante conoscenze manifesta, in modo che formeranno tanti dolci incanti che, sorpresa, la creatura resterà conquistata ed investita dalla luce del mio eterno Volere, perché non ci vuole altro perché venga il suo regno, che le due volontà si bacino insieme, una si sperda nell’altra, la mia per dare e la volontà umana per ricevere.

Perciò la mia parola creatrice come bastò per creare l’universo, così sarà sufficiente per formare il Regno del mio Fiat. Ma è necessario che si conoscano le parole che ho detto, le conoscenze che ho manifestato, per poter comunicare il bene che contiene la mia parola creatrice.

Perciò insisto tanto che siano conosciute le conoscenze sulla mia Volontà, lo scopo per cui le ho manifestate, per poter realizzare il regno mio che tanto sospiro di dare alle creature.

Ed io travolgerò cielo e terra per ottenerne l’intento”.

Volume 23, Settembre 21, 1927   (2)

(. . .) Come la verità è vita perenne e miracolo continuato.

Stavo girando per tutta la creazione e chiedevo in ciascuna cosa creata il Regno del Fiat Supremo, ed il mio adorato Gesù movendosi nel mio interno mi ha detto:

(. . .).

Dopo di ciò stavo pensando a tutto ciò che il mio adorato Gesù mi aveva detto sulla sua Divina Volontà, e come se volessi altre prove più certe che fosse Gesù che mi parlava; e Gesù uscendo dal mio interno mi ha detto:

“Figlia mia, non c’è altra prova più certa e sicura e che può fare più bene tanto a te quanto agli altri, che l’averti manifestate tante verità. La verità è più del miracolo.

Essa porta con sé la vita divina permanente e, dove giunge e [in] chi l’ascolta, biloca la verità insieme colla sua vita per darsi a chi la vuole.

Quindi le mie verità sono luce perenne, non soggette a smorzarsi, e vita che mai muore.

Qual bene non può produrre una mia verità?

Può formare i santi, può convertire le anime, può fugare le tenebre e tiene virtù di rinnovare tutto il mondo.

Perciò faccio più miracolo grande quando manifesto una mia verità che quando do altre prove che son io che vado dall’anima, o facessi altre cose miracolose, perché queste sono ombra della mia potenza, luce passeggera, e siccome è passeggera non porta a tutti la virtù miracolosa, ma si riduce all’individuo che ha ricevuto il miracolo, e molte volte chi ha ricevuto il miracolo neppure si fa santo.

Invece la verità contiene la vita, e come vita porta la sua virtù a chiunque la vuole.

Sii certa, figlia mia, che se io nel venire sulla terra non avessi detto tante verità nel Vangelo, ad onta che avessi fatto miracoli, la redenzione sarebbe stata inceppata, senza sviluppo, perché [le creature] non troverebbero nulla, né insegnamenti né luce di verità per apprendere i rimedi, per trovare la via che conduce al cielo.

Così sarebbe di te se non ti avessi detto tante verità, specie sulla mia adorabile Volontà, che è stato il più gran miracolo che ho fatto in questi tempi: qual bene porterebbe la tua missione sì grande a te affidata, di far conoscere il Regno del Fiat Supremo?

Invece coll’averti detto tante verità su di esso, può conoscersi la mia Divina Volontà nel mondo, può essere restituito [all’uomo] l’ordine, la pace, la luce, la felicità perduta.

Tutte queste verità porteranno l’uomo in grembo al suo Creatore, per darsi il primo bacio della creazione ed essere restituita l’immagine di colui che l’ha creato.

Se tu sapessi il gran bene che porteranno alle creature tutte le verità che ti ho detto, il cuore ti creperebbe di gioia.

Né puoi temere che il nemico infernale potesse ardire di manifestarti una sola verità sulla Divina Volontà, perché lui innanzi alla luce di essa trema, fugge; ed ogni verità sulla mia Volontà è per lui un inferno di più, e perché non volle né amarla né farla, si cambiò per lui in tormenti che non avranno fine. Lui innanzi alla sola parola Volontà di Dio si sente talmente scottare che monta in furore ed odia quella Santa Volontà che lo tormenta più dell’inferno.

Perciò puoi star sicura che Volontà di Dio e nemico infernale non vanno mai d’accordo né insieme né vicino; la sua luce lo eclissa e lo precipita nelle bolgie dell’inferno.

Quindi quello che ti raccomando [è] che nessuna verità o semplice parola sul mio Voler Divino tu faccia sperdere, perché tutto deve servire a compiere la catena dei miracoli perenni, per far conoscere il regno di esso, ed a restituire la felicità perduta alle creature”.

Volume 12, Febbraio 22, 1921   (153)

Come Gesù riposa nella sua stessa parola ed i tre Fiat.

Stavo nel mio solito stato, ed il mio dolce Gesù stava tutto silenzioso; ed io gli ho detto: “Amor mio, perché non mi dici nulla?” E Gesù:

“Figlia mia, è mio solito, dopo aver parlato, fare silenzio.

Voglio riposarmi nella mia stessa parola, cioè nella mia stessa opera uscita da me, e questo lo feci nella creazione.

Dopo aver detto Fiat lux, e la luce fu, Fiat a tutte le altre cose, e le cose uscirono a vita, volli riposare, e la mia luce eterna riposò nella luce uscita nel tempo, il mio amore riposò nell’amore in cui investii tutto il creato, la mia bellezza riposò nell’universo tutto, che temprai della mia stessa bellezza; come pure riposò la mia sapienza e potenza con cui ordinai tutto con tale sapienza e potenza, che io stesso guardando dissi: ‘Com’è bella l’opera da me uscita! Voglio riposarmi in essa’. Così faccio per le anime: dopo aver parlato, voglio riposarmi e godere gli effetti della mia parola”.

Dopo ciò ha soggiunto: “Diciamo insieme Fiat”, e tutto, cielo e terra, si riempiva d’adorazioni alla Maestà Suprema. E di nuovo ha ripetuto: “Fiat”, ed il sangue, le piaghe, le pene di Gesù sorgevano, si moltiplicavano all’infinito. E poi una terza volta: “Fiat”, e questo Fiat si moltiplicava in tutte le volontà delle creature per santificarle.

Poi mi ha detto: “Figlia mia, questi tre Fiat sono il creante, il redimente ed il santificante.

Nel creare l’uomo lo dotai con tre potenze: intelletto, memoria e volontà; con tre Fiat compirò l’opera di santificazione sull’uomo.

Al Fiat creante l’intelletto dell’uomo resta come rapito; e quante cose comprende di me, e come io lo amo, essendo io nascosto in tutte le cose create per farmi conoscere e dargli amore per farmi amare!

Nel Fiat della redenzione la memoria resta come incatenata dagli eccessi del mio amore, nel patire tanto per aiutare e salvare l’uomo nello stato della colpa.

Nel terzo Fiat il mio amore vuole sfoggiare di più, voglio assalire la volontà umana, voglio mettere a sostegno della sua volontà la mia stessa Volontà, in modo che la volontà umana resterà non solo rapita, incatenata, ma sostenuta da una Volontà eterna, che facendosi poggio a tutto, l’uomo quasi non le potrà sfuggire. Non finiranno le generazioni fino a quando la mia Volontà non regnerà sulla terra. (. . .)

Padre Gary Burkart sulla Divina Volontà Assisi 25 Giugno 2016

Roveto Ardente un contributo poetico di Cosmo Oliva

Roveto Ardente un contributo poetico di Cosmo Oliva

Roveto Ardente

Ecco i il contributo poetico  di Cosmo Oliva all’Evento celebrato il 25 Giugno 2016 ad Assisi
IOSONO Festa della Mia Parola CARISMI E SCIENZA PER LA CUSTODIA DEL CREATO

Il maestro Cosmo Oliva, ben conosciuto ad Assisi per il suo servizio artistico e costante all’Organo della Porziuncola di Assisi, scrive poesie che fa conoscere in rete anche attraverso il gruppo facebook Poesia pura, ovvero “Al cuor gentil ripara sempre amore”

Tra le molte scritte quella che segue, intitolata “Roveto Ardente”, è davvero in sintonia con il tema che abbiamo trattato all’ evento di Assisi … di per sè anche il nome dell’autore, Cosmo, è in sintonia con il prossimo evento …

[youtube]https://www.youtube.com/playlist?list=PLK40E5JdJBZTXC_ZOEHyi16pLylDDbJ_Y[/youtube]

Read More…Read More…