Armonizzare l'atmosfera

Frate Placido Sartucci l’amore di Dio sopra ogni cosa

Frate Placido
Frate Placido

 

Frate Placido Sartucci un uomo come tanti, un uomo come nessuno.

Frate Placido Sartucci raccontato in un libro di Stefano Spanò ma più ancora nelle testimonianze delle persone che hanno conosciuto Frate Placido, che si sono confessate da Frate Placido, che in Frate Placido hanno avuto il privilegio di avere come guida spirituale una persona che ha servito con umiltà il Cristo nelle persone che ha incontrato nel suo Speco. Dalle testimonianze è emerso una Frate Placido davvero Francescano, ammalato della stessa malattia di Francesco di Assisi, che vale la pena ricordare cominciò la sua vita pubblica riparando la piccola cappella di San Damiano, preparando la casa per la persona che più lo amò e per le sue sorelle …

Read More…Read More…

Non dica Ascesi, ché direbbe corto ma Oriente se proprio dir vuole …

Non dica Ascesi, ché direbbe corto ma Oriente se proprio dir vuole …

Non dica Ascesi ché direbbe corto ma Oriente se proprio dir vuole …
Non dica Ascesi, ché direbbe corto ma Oriente se proprio dir vuole … Il Sole nel campanile della basilica di San Francesco

Non dica Ascesi, ché direbbe corto ma Oriente se proprio dir vuole sono le parole del XI Canto del paradiso.

Questo canto è stato oggetto di una mia relazione ad un convegno organizzato, dal Movimento Carismatico, nel 1990, proprio ad Assisi, e che aveva per tema il Paradiso.

Non è che il sottoscritto sia una dantista, sono solo un appassionato di Dante Alighieri, che ho studiato al liceo e riscoperto da adulto, ascoltando per radio le lectio dantis di Vittorio Sermonti.

Queste  lectio che mi hanno accesso una passione per il sommo poeta che ogni tanto viene fuori, spingendomi a rileggere quella poesia che a scuola mi sapeva così astrusa e difficile e che ora invece mi pare dolce, armoniosa, musicale.

E così al convegno di carismatici, invitato a parlare del Paradiso di Dante da un amico che conosceva questa mia passione,  non pretesi di dare una lettura critica e scientifica del testo che scelsi di commentare, il canto XI del Paradiso di Dante, quello da cui sono tratte le parole Non dica Ascesi che direbbe corto. 

Cercai di fare una lettura spirituale e incarnata, ricordando fin dalle prime parole ai convenuti che essi avevano il privilegio di trovarsi:  Intra Tupino e l’acqua che discende del colle eletto dal beato Ubaldo…

Read More…Read More…