Armonizzare l'atmosfera

Franca Cornado L’UT UNUM SINT nella fondatrice del MC

Ut unum sint Normadelfia Foto della Relazione su Franca Cornado
“È per amore che mi son mosso, è perché cerco l’amore che cammino, è per amore che mi aggrappo alla fede e alla speranza” Carlo Carretto Ut Unum Sint è anche il simbolo di diverse realtà ecclesiale, questa foto è del centro Normadelfia di Roma.

L’influsso del Movimento dei Focolari nella vita di Franca Cornado

In seguito divenne anche simpatizzante del movimento dei focolari che aveva già come scopo l’Ut Unum Sint

e come mezzo per raggiungerlo il dialogo interreligioso.

Chiara Lubich,  la fondatrice del movimento dei focolari,  predicava l’abbattimento dei ponti culturali e delle barriere tra i popoli.

Lei e le persone che avevano condiviso il suo stesso cammino fin dagli inizi,

avevano visto e vedevano con i loro occhi le conseguenze devastanti delle ideologie totalitarie che,

come in tempi moderni quelle fondamentaliste, trovavano nelle religioni,

in particolare quella cristiana, un nemico da abbattere in tutti modi, anche con lo sterminio e il genocidio sistematico.

Il loro diffondere il pensiero che invece si dovesse ricercare l’unità tra i popoli,

che questa veniva generata da uomini nuovi, appariva e appare, rivoluzionario.

Le due prove richieste dal padre spirituale

rosa mistica
Vergine Maria, del misticismo ‘Rosa’ prendi a cuore questo mio cuore Fammi essere del misticismo ‘Sposa’!”. 30/3/78 dalla spiritualità di Franca Cornado

Padre Giustino sarà protagonista di un episodio decisivo del cammino di Franca con il chiedergli una prima prova,

legata ad un’altra carismatica Pierina Gilli a cui faceva direzione spirituale alla quale la Madonna era apparsa da piccola,

facendole la promessa di riapparirle di nuovo.

Padre Giustino senza spiegare chi e cosa chiede a Franca questa prima prova,

che passerà essendo la Madonna apparsa di nuovo, il 17 Aprile 1966,

a Pierina in località Montichiari Brescia dove è sorto un santuario, molto frequentato, dedicato a Maria Rosa Mistica … 

La prima prova non fu sufficiente, Padre Giustino la definì soggettiva, ne chiese un’altra che fosse oggettiva,

che avesse delle prove ed evidenze che non potessero essere discusse e la seconda prova vi fu

e la pagò di persona Franca stessa che improvvisamente si ammalò di un male incurabile, un grave tumore osseo,

con aspetto a Palizzata, localizzato nella spina dorsale e dal quale fu guarita il 26 Aprile 1967

mediante l’esercizio di un carisma di un figlio spirituale di Padre Pio proveniente da Terni, Giovanni Leonardi.

Avuta la prova oggettiva, Padre Giustino, chiese a Franca di chiedere cosa volesse il Signore da lei,

per quale motivo l’avesse dotata di tali carismi,

e Franca si sentì rispondere che voleva la fondazione del Movimento Carismatico ad Assisi,

perché Assisi, ripeteva spesso la stessa Franca con un acrostico vuol dire: 

Amerai Sempre Sinceramente ISignore Iddio

Padre Giustino però, che nel frattempo fu trasferito a Milano, non volle dare corso a questa richiesta

e il Signore con Franca dovette fare da solo.Dalla prima fiammella ad Assisi alla morte a Brescia

Franca che ogni tanto andava a trovare la sua Mamma per qualche giorno a Bellinzago Novarese,

in piena stazione centrale di Milano si sente dire di andare ad Assisi anziché a Bellinzago

e va, come San Giuseppe che obbedisce alla voce dell’angelo che lo fa andare via da Betlemme

senza dargli nemmeno il tempo di rifletterci su. (continua nella pagina seguente) (pagina precedente, pagina iniziale)


11 thoughts on Franca Cornado L’UT UNUM SINT nella fondatrice del MC

  1. Claudio, correggi l’ultima locuzione: Tu solo santo…: all’inizio vi è una ripetizione (credo)…

  2. Ciao sorella barbara posso chiederti perché domandi sui mistici sponsali? Vivi un’esperienza di questo tipo?

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.