Buon Natale 2018 e auguri per un felice anno 2019

Buon Natale 2018 e auguri per un felice anno 2019

Buon Natale 2018 e auguri per un felice anno 2019

E siamo arrivati a Natale anche quest’anno,

è il momento degli auguri e delle riflessioni,

il momento di avvicinarsi al bambinello del presepe e parlarGli con il cuore senza paura di nascondere nulla di se

perché Lui sa già tutto di noi, e se vuole ascoltarci è perché ci ama, perché Gli piace che ci rivolgiamo a Lui con amore.

Lui sa se le nostre parole sono sincere,

se il nostro cuore chiede quello che Lui vorrebbe che gli chiedessimo

o se continuiamo a chiedere quello che per noi non è nemmeno un bene.

E qualche volta anche se ha deciso diversamente cambia,

purché cambiando non ce ne venga del male,

cambia i Suoi Disegni,

accontenta anche i nostri capricci, come quelli dei bambini che uscendo con il loro babbo e con la loro mamma

non cessano mai di chiedere qualche cosa, con insistenza, alle volte troppa insistenza,

ma non ne occorre molta per vincere la resistenza di un Dio follemente innamorato di noi.

Innamorato  non di una umanità astratta, di un generico povero, di un chissà chi,

ma di me, di te, delle persone che ami, della persona che ami,

della persona che ami più di ogni altra persona perché quella persona te l’ha fatta incontrare, conoscere e amare proprio Lui

e nessun altro,  perché si è fidato di te e di me e ci ha affidato questo amore come un tesoro prezioso da custodire da non sciupare.

Non Sciupare

Non sciupare, già anche questo è un comandamento di Dio, non sciupare l’amore, non sciupare la vita, non sciupare il cibo, non sciupare il creato,

non sciupare la provvidenza, non sciupare il tempo, non sciupare i doni ricevuti…

Non sciupare nemmeno la sofferenza, le prove e  il dolore, perché è il dolore che ci differenzia dagli Angeli

perché tramite il nostro dolore unito al Suo Infinito dolore che noi diventeremo ‘Dio’

perché Dio facendosi bambino prese l’umanità che non aveva

per darci la divinità che noi non avevamo.

La culla è ancora vuota, sarà riempita questa sera con un bambino, che come insegna l’iconografia orientale è già adulto,

è già il redentore e la mangiatoia è già la tomba vuota dove si ode come una eco la voce di Colui che può dire di se:

‘Io Sono la Luce del Mondo, Io Sono la Resurrezione e la Vita, Io Sono l’Alfa e l’Omega’.

E noi correndo come i pastori alla culla o come le donne e discepoli alla tomba vuota del risorto,

ascolteremo la voce degli angeli  e sarà gioia, perché saremo gioia,  saremo una eco dell’Io Sono, saremo per sempre Io Sono.

Questo il mio augurio di Buon Natale 2018 a ciascuno di voi.

Terni 24 Dicembre 2018 Claudio Pace Buon Natale 2018

2 Comments

  1. Giovanna 25/12/2018
  2. Patrizio Berni 26/12/2018

Leave a Reply