2° CORSO di FORMAZIONE per OPERATORI della SPERANZA

2° CORSO di FORMAZIONE per OPERATORI della SPERANZA

Operatori della Speranza

Ricevo e volentieri pubblico del  corso che si sta tenendo presso l’Azienda Ospedaliera “Santa ntMaria” di Terni

a partire dal prossimo 8 Febbraio.

Ecco la locandina:

Download (PDF, 728KB)

Terni 6 Febbraio 2019 Claudio Pace

Evento formativo n.7402-84 Crediti ECM n. 20

Referente del Corso:

Padre Angelo Gatto   E.mail    padreangelo@aospterni.it

Per Info e prenotazioni:

Centro di Formazione Aziendale 0744.205164   E.mail    g.petralla@aospterni.it

Operatori della Speranza

2° CORSO di FORMAZIONE per OPERATORI della SPERANZA

Chi è l’Operatore della speranza?

Sull’esempio di Cristo che si è fatto presente chinandosi sulle sofferenze materiali e spirituali dell’uomo per guarirle,

gli operatori della speranza, nel rispetto della libertà del malato, si fanno prossimi a chi soffre come dono di una presenza

e portatori di una umanità capace di ascoltare con il cuore e far sperimentare, con il loro servizio,

una speranza che non delude radicata nell’esperienza del Cristo Risorto.

In definitiva, considerando le diverse dimensioni della persona in cui l’aspetto spirituale è importante,

l’operatore della speranza permette al malato una riflessione sulla vita

e lo aiuta attraverso l’intelligenza della fede a cogliere gli inviti di Dio per un percorso della salute nella salvezza.

Il percorso di umanità e di speranza nell’orizzonte della fede che viene proposto, con il supporto delle scienze umanistiche,

ha lo scopo di guidare e sostenere chi aiuta affinché possa essere più vicino al malato,

sostenendolo nella sua umanità e nei bisogni spirituali,

e non si senta solo nella sofferenza e non diventi preda dello sconforto e della rassegnazione.

Struttura del corso

– Il corso è diviso in due parti: La prima parte composta da sette incontri in cui verranno forniti elementi teorico-esperienziali.

“Per l’acquisizione dei crediti ECM è necessario frequentare l’intero corso teorico”

La seconda parte prevede un periodo di tirocinio nel quale i partecipanti saranno accompagnati in alcuni reparti dell’Ospedale per fare esperienza.

Sono previste un minimo di quattro presenze. (Tirocinio non previsto per il personale Sanitario).

Obiettivi del corso

Nel corso s’intende fornire gli elementi teorico-esperienziali di un processo di relazione di aiuto

per sostenere la persona malata e colui che aiuta.

Preparare a svolgere il servizio di volontariato In Ospedale.

Per tale servizio è previsto un periodo di tirocinio.

Sede del Corso – AULA “A” della Formazione Azienda Ospedaliera S. “Maria” di Terni

PROGRAMMA:
 
8 Febbraio 17-19 Registrazione dei partecipanti

Saluti ed introduzione (P. Angelo Gatto)

Aspetti Teologico-Missionario dell’Operatore della Speranza

Ruolo dell’Operatore della Speranza

22 Febbraio 17-19 Formazione Bioetica e Spirituale degli Operatori della Speranza

L’Operatore della Speranza: dalla cura al prendersi cura (Dr. G. Cera)

Modelli assistenziali innovativi come via di Speranza (Dr. G. Cera)

1 Marzo 17-19 Salute, malattia nelle grandi religioni (Dott. M. Petrini)
8 Marzo 17-19 Morte e lutto nelle grandi religioni (Dott. M. Petrini)
15 Marzo 17-19 Umanizzazione delle cure:

La Speranza nella relazione di aiuto (Dott.ssa E. Ruffinelli)

Ostacoli alla relazione di aiuto (Dott.ssa E. Ruffinelli)

22 Marzo 17-19 Aspetti Psicologici dell’Operatore della Speranza (Dott. L. Sandrin)
29 Marzo 15-19 La Persona nel fine vita:

Portatori di Speranza nell’ultimo viaggio (Dott. A. Pangrazzi)

5 Aprile 17-19 La persona con malattia cronica:

Il malato dializzato e la Speranza (Dr. R. M. Fagugli)

Il malato ospite della Lungodegenza: Speranza per continuare a vivere (Dott.ssa M. Proietti)

Il malato con demenza (Dr. S. Catanzani)

12 Aprile 17-19 Umanizzazione delle cure:

Il malato oncologico e la ricerca della Speranza (Dr. S. Bracarda)

Il malato dell’Hospice e la Speranza nella relazione di aiuto (Dott.ssa D. Crispoldi)

( la Pagina del 1° Corso di Operatori della Speranza )

Leave a Reply